Bisniflex Poggibonsi showroom

FTSA: stato di agitazione del personale, oggi il tavolo di conciliazione dal Prefetto

Si è svolto oggi il tavolo di conciliazione dal Prefetto di Siena a seguito della proclamazione da parte delle sigle sindacali FP CGIL e FP CISL

 VAL D'ELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Si è svolto oggi il tavolo di conciliazione dal Prefetto di Siena a seguito della proclamazione da parte delle sigle sindacali FP CGIL e FP CISL, unitamente alla RSU aziendale, dello stato di agitazione di tutto il personale della Fondazione Territori Alta Valdelsa operante nei presidi RSA del territorio.

I sindacati rivendicano “l’applicazione del contratto nazionale enti locali più volte disatteso dalla Direzione, così come del contratto decentrato aziendale oramai datato 2008/2009, e denunciano l’indisponibilità della Direzione FTSA a soluzioni serie e condivise su: turni di lavoro, fondo incentivante, istituti contrattuali, produttività ed accordo su prestazioni aggiuntive del personale sanitario durante il periodo Covid-19”.

“Viste le risposte non adeguate o inesistenti da parte della FTSA rispetto alle nostre richieste, - spiegano FP CGIL e FP CISL - abbiamo deciso di mobilitarci. Pertanto, così come previsto dalla legge, abbiamo chiesto al Prefetto e alla Commissione di garanzia il tentativo di conciliazione nei termini e con le modalità previste in materia di servizi pubblici essenziali del comparto enti pubblici. L’atteggiamento dilatorio e inconcludente che abbiamo riscontrato negli anni, aggravato dall’inosservanza delle norme contrattuali, soprattutto relativamente alle materie afferenti alle relazioni sindacali, ci ha portato a richiedere il tavolo di conciliazione dal Prefetto che è stato effettuato oggi”.

“Dopo l’incontro in Prefettura di oggi lo stato di agitazione viene mantenuto - concludono le sigle sindacali - ma è stato concordato di effettuare fattivi incontri di delegazione trattante. Qualora i tavoli di contrattazione non dovessero trovare una soluzione, saremo pronti nostro malgrado ad adottare quelle forme di lotta, a partire dallo sciopero del personale dipendente, e che per senso di responsabilità non abbiamo attuato negli ultimi 3 anni, anche per la pandemia in corso”.

Potrebbe interessarti anche: Covid: ancora un decesso, sette ingressi e sette dimissioni alle Scotte 

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 5 gennaio 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su