Giovanni Veronesi racconta Francesco Nuti, la vera Storia di un Grande Talento: una serata per ricordare l'attore-regista toscano

Firenze festeggia il compleanno di Francesco Nuti, Genio fiorentino, in anticipo: allìOtel di Firenze si sono dati appuntamento tutti gli amici - Francesca Neri, Carlo Conti, Giorgio Panariello, Leonardo Pieraccioni e Alessandro Haber - capitanati da Giovanni Veronesi, sceneggiatori, in occasione della monografia scritta da Matteo Norcini

Commenti 1
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Questa notizia fa parte dell'archivio. Clicca qui per vedere la sezione aggiornata

Una serata per ricordare un 'Genio Fiorentino' troppo presto dimenticato dal cinema al quale ha dato tanto tra gli anni '70 e '80, ma non dai suoi innumerevoli fan, sparsi in tutta italia: giovedì 21 maggio si sono dati appuntamento all'Otel di Firenze per ricordare Francesco Nuti - a pochi giorni dal suo compleanno - in occasione della presentazione di una monografia a lui dedicata. 'Francesco Nuti - La vera storia di un Grande Talento' - edizioni Ibiskos Editrice Risolo - è stato scritto da Matteo Norcini, cresciuto con i suoi film e suo concittadino - Francesco è infatti nato a Firenze e non a Prato - Il volume ripercorre le tappe della sua vita e della carriera tra cinema e teatro - il cabaret dei Giancattivi - con un ricco corredo fotografico e interviste ai suoi amici e compagni di set, molti dei quali presenti alla grande festa fiorentina, come Francesca Neri, Carlo Conti, Giorgio Panariello, Leonardo Pieraccioni e Alessandro Haber.

Francesco non era presente 'Ma sta bene - ha detto il fratello Giovanni, musicista dei suoi film - e presto tornerà ad abbracciare tutto coloro che gli vogliono bene e lo ricordano sempre con affetto. Lui, si sa, è un perfezionista e vuole apparire al meglio, per questo stasera non è qui con noi...'. 'Francesco adesso dipinge e scrive poesie, insieme a me (dal titolo 'Poesie raccolte' n.d.r.)... magari un giorno dirigerà quelle due sceneggiature rimaste lì, ad aspettare che gli sia 'passata la febbre'...

Accanto a lui, Giovanni Veronesi, il maestro di cerimonie e l'anima del progetto, lo sceneggiatore dei suoi film più belli - un sodalizio di 12 anni - amico da una vita e adesso anche regista - i due 'Manuale d'amore' e il recente 'Italians' - che si lamenta del fatto che 'la televisione si è dimenticata dei suoi film, li trasmette poco e a orari impensabili, alle 4 di notte.... Per questo ho deciso di organizzare delle proiezioni nelle scuole, per farli vedere ai ragazzi che non sanno che è Nuti... conoscono Verdone e Benigni - che è dovuto andare in America per veder riconosciuto il suo talento - ma non Francesco nè Troisi, scomparso troppo presto.... E lo farò grazie a personaggi importanti, che sono venuti qui stasera.... Non solo toscani - come Giorgio Panariello, Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni - ma anche Francesca Neri, Alessandro Haber e i Negramaro.... Dei quattro moschettieri del cinema comico dei anni '70-'80 è rimasto solo Carlo Verdone, ma pensate che film bellissimo sarebbe venuto fuori avessero recitato insieme... Benigni e Troisi lo hanno fatto, improvvisando, in 'Non ci resta che piangere', che è un un capolavoro assoluto.... E' ora che la critica rivaluti i suoi film, dopo 'il filone vacanziero' - per il quale è stato dato un David di Donatello a Christian De Sica, n.d.r. - visto che presto verranno pubblicati in dvd, se lo merita un grande artista come lui, che non ha lasciato epigoni....'

Francesca Montanari

Pubblicato il 22 maggio 2009

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Commenti

  1. Avatar
    silvietta 26/05/2009

    Grande Nuti!
    Grande Nuti! Torna presto!

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su