Vivaio Il Roseto

Gli albergatori raccontano su Facebook il brand San Gimignano che verrà

A partire da giovedì 28 gennaio, alle 18.30, sei appuntamenti sulla pagina Facebook Confcommercio Siena per pensare e realizzare il turismo post Covid

 SAN GIMIGNANO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Un gruppo di imprenditori di San Gimignano racconta su Facebook come reinventare la destinazione San Gimignano e il brand post Covid. Tutto nasce dal corso “Dall’on line alla destinazione” organizzato da Confcommercio Siena nel mese di novembre a cui hanno partecipato circa 25 operatori del territorio. Da qui sono emersi stimoli e idee nuove per definire tutti insieme il nuovo brand San Gimignano.

Ripartiamo da noi - dice Luisella Bartali Responsabile settore Turismo della Confcommercio - la “Destinazione siamo noi” questa la parola d’ordine che ci accompagnerà in questo percorso. Siamo perfettamente consapevoli che una destinazione è fatta da tante componenti, ma il desiderio degli operatori era quello di aprire un confronto in prima battuta tra loro. Mettersi in discussione è sempre il primo passo verso il cambiamento”.

E ripartendo da noi – aggiunge Bartali – abbiamo chiesto agli imprenditori di dire la loro attraverso i social, mettendoci i loro volti, le loro idee, le loro proposte”.

Così a partire da giovedì 28 gennaio, alle 18.30, sulla pagina Facebook Confcommercio Siena gli imprenditori del settore alberghiero di San Gimignano parleranno dei valori su cui lavorare, dei nuovi target a cui rivolgersi, dei nuovi strumenti da usare per promuovere il brand San Gimignano. Un calendario con sei appuntamenti, il giovedì, sulla pagina Facebook Confcommercio Siena.

 Le parole chiave per pensare San Gimignano come una destinazione da reinventare post Covid  sono sicurezza, accoglienza, km zero, turismo domestico e outdoor, autenticità, sostenibilità, ricaricarsi in natura, wellbeing, , smart working, trasformazione, comunicazione ma anche disconnessione. E i target? C’è chi vorrà stare completamente disconesso. E ci sarà anche chi sceglierà di fare smart working da una destinazione turistica. Inoltre, c’è la generazione dei 25-40 anni che ama raccontare ciò che fa, per loro dovranno essere pensate azioni per le quali possono usare Instagram. Ed ancora, eventi collettivi con una grandissima risorsa che è la Vernaccia.

Potrebbe interessarti anche: La Finanza scopre piantagione di marijuana tra Poggibonsi e Barberino Tavarnelle

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 25 gennaio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su