Diba '70 shop San Gimignano

Ha preso servizio il nuovo direttore amministrativo. Intanto oltre 11 milioni di euro sono stati versati dallo Stato sul conto dell'Ateneo

Il rettore dell'Università di Siena Silvano Focardi ha presentato questa mattina ai giornalisti il nuovo direttore amministrativo, Emilio Miccolis, che ha preso oggi servizio in Ateneo. 'Con l'arrivo del dottor Miccolis - ha detto Focardi - si avvia una nuova fase che vedrà necessariamente un'accelerazione nel percorso di risanamento'

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il rettore dell'Università di Siena Silvano Focardi ha presentato questa mattina ai giornalisti il nuovo direttore amministrativo, Emilio Miccolis, che ha preso oggi servizio in Ateneo. "Con l'arrivo del dottor Miccolis - ha detto Focardi - si avvia una nuova fase che vedrà necessariamente un'accelerazione nel percorso di risanamento. Una delle tappe più importanti dei prossimi giorni sarà la definitiva predisposizione del bilancio previsionale 2009, che sarà portato in consiglio entro la fine del mese. Conto fortemente sull'apporto che il nuovo direttore amministrativo ci darà in questa fase, grazie soprattutto alla sua esperienza, maturata in una struttura complessa come l'Università di Bari".

Da ventisette anni nel sistema universitario, da sette anni dirigente di ruolo nell'Ateneo pugliese, il nuovo direttore amministrativo dell'Università di Siena, al quale sarà stipulato un contratto quadriennale, ha sottolineato come questo nuovo incarico sia "una scelta forte". "Non sono un uomo in fuga, amo molto l'Università dalla quale provengo", ha detto, "si tratta per me di una grande opportunità professionale che ho deciso di cogliere perché l'Università di Siena è uno degli Atenei più prestigiosi d'Europa. Ho varcato la sua soglia sicuro che abbia in sé le potenzialità per superare la crisi nella quale si trova, nonostante la sua innegabile gravità. Dedicherò i prossimi giorni allo studio della situazione, ma come prima cosa intendo incontrare il personale tecnico e amministrativo, perché è mia convinzione che il lavoro che abbiamo davanti potrà raggiungere i risultati sperati solo grazie al coinvolgimento e alla valorizzazione di ogni persona che lavora in questa amministrazione, in ciascuna funzione e in ogni qualifica".

Chiamato ad esprimersi sulla situazione in atto, Miccolis ne ha evidenziata la complessità: "Non è mio compito esprimere giudizi né critiche - ha detto - ho necessità di capire bene, analizzando a fondo i documenti contabili e amministrativi. Del resto, dobbiamo ricordare che tutte le università si trovano in una situazione complessa, a partire dai meccanismi di ripartizione del fondo di finanziamento ordinario. Il vantaggio di Siena, teniamolo presente, è comunque l'ottimo indice di qualità prodotta nell'offerta formativa e nella ricerca a fronte della spesa effettivamente sostenuta". Rispetto al piano di risanamento approvato dal Consiglio di amministrazione nella seduta del 17 novembre scorso, il direttore amministrativo ha messo in luce gli aspetti di "razionalizzazione della spesa, che non deve ledere la qualità offerta agli studenti dell'Ateneo, i quali dovranno essere i veri protagonisti del piano di rilancio. In questa fase dobbiamo pensare al bilancio preventivo, per cui credo occorra agire in termini di prudenza, soprattutto perché non conosciamo ancora quale sarà esattamente il fondo di finanziamento ordinario che ci sarà assegnato.

Gli interventi non dovranno essere sconvolgenti, ma decisi, determinati, con percorsi che coinvolgano il personale, e con obiettivi di spesa che superino la logica del costo figurativo, ma che tengano conto della capacità di realizzazione e di autofinanziamento dei progetti".Nel frattempo, proprio a conclusione della mattinata, è giunta una notizia positiva in Ateneo, subito annunciata dal nuovo direttore amministrativo: 11,6 milioni di Euro
(11.609.811,64 Euro) sono stati accreditati dal ministero dell'Economia e delle finanze sul conto corrente dell'Università di Siena, quale copertura finanziaria per i contratti di formazione specialistica dell'area medica.

Pubblicato il 5 dicembre 2008

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su