I Carabinieri forestali sequestrano una tintoria di pelli

Task force in collaborazione con Asl, Polizia municipale ed Arpat: denunciato il titolare per gestione illecita di rifiuti pericolosi

 EMPOLI
  • Condividi questo articolo:
  • j

I Carabinieri della Stazione Carabinieri Forestale di Empoli insieme ai tecnici Arpat del Dpartimento di Empoli, coadiuvati da personale della Polizia Municipale del Circondario Empolese Valdelsa e dell’Ufficio tecnico del Comune di Empoli si recavano presso una ditta individuale che svolge attività di tintoria di pelli. Dal sopralluogo è emerso che tutti i locali si presentavano in pessime condizioni igieniche e ambientali e ostruiti da sporcizia, materie prime e rifiuti stoccati alla rinfusa oltre a macchinari e attrezzatura per la lavorazione di pelli in gran parte in disuso.

I pavimenti erano per lo più ricoperti da una spessa coltre di fanghiglia nerastra derivante dalle acque reflue di lavorazione che dai bottali (macchinari utilizzati nell’industria conciaria) vengono sversate sul pavimento, in parte munito di griglia di raccolta, che si presentava ricolma di fanghiglia. Dalla griglia i reflui raggiungono una vasca di raccolta intermedia in cemento e successivamente una vasca di accumulo interrata, da cui vengono prelevati per lo smaltimento, ma entrambe le vasche versano in condizioni precarie e non garantiscono il trattenimento dei reflui, con possibilità di sversamenti. Inoltre il tetto di tutti gli ambienti non garantisce l’impermeabilità dalle acque meteoriche che percolano all’interno. Un locale sotterraneo dove è ubicato un bottale utilizzato per pulire il pellame con segatura era ricoperto interamente da una coltre molto spessa di polvere di pelle, anche sulle pareti e sul soffitto. In tutti i locali  erano accumulati inoltre contenitori di prodotti chimici vuoti e pieni ormai costituenti rifiuti in parte usati e  deteriorati e/o corrosi a causa del lungo abbandono che ha determinato anche sversamento di prodotto a terra. Anche la cappa di aspirazione dove dovrebbero essere miscelate le materie prime pulverulenti era occupata da tali rifiuti e non più funzionante, come anche tutti i sistemi di areazione ubicati nei vari ambienti.

Dal registro di carico e scarico rifiuti è emerso che l’ultimo conferimento relativo a tutti i rifiuti speciali pericolosi e non, prodotti dalla tintoria, risale al dicembre 2016. Solo le acque reflue risultano smaltite regolarmente. Tale mancato conferimento ha causato un accumulo e deposito incontrollato di rifiuti di vario genere superando i tempi e le modalità previsti dal Testo Unico Ambientale. I militari hanno riscontrato che tutti i rifiuti risultano sparsi in tutti gli ambienti in maniera caotica e incontrollata con miscelazione di rifiuti di diverso genere. Quanto sopra, aggiunto ad un mancato controllo delle acque reflue, a un mancato funzionamento dell’impianto di areazione e di emissioni, e alla permeabilità della copertura degli ambienti dalle acque piovane, determina un rischio concreto di compromissione delle matrici ambientali.

E' intervenuto in supporto personale del PISLL USL Toscana Centro Dipartimento di Empoli che ha rilevato gravi problemi di sicurezza attinenti al rischio incendio nonché problemi di sicurezza inerenti l’impianto elettrico, inoltre i macchinari in uso non risultavano dotati delle sicurezze previste dalla norma. In relazione alla gestione illecita dei rifiuti pericolosi e non, ed ai gravi problemi riscontrati sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, i militari hanno proceduto al sequestro penale preventivo d’iniziativa dei manufatti adibiti ad attività/laboratorio di tintoria pelli nonché dei relativi materiali e rifiuti in essi contenuti. Per quanto concerne la regolarità edilizia del manufatto sono in atto accertamenti da parte dei tecnici del Comune e della Polizia Municipale.

Potrebbe intererssarti anche: Arrestato pusher con 650 grammi di cocaina

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 13 febbraio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su