Bisniflex Poggibonsi showroom

I no green pass: “Giani il vaccinaro deve dimettersi”

Annunciata per domani 14 settembre una manifestazione a Firenze

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Tutti i movimenti ‘no green pass’ manifesteranno domani martedì 14 settembre in via Cavour, a Firenze, contro le dichiarazioni del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che di recente ha fatto intendere che a partire da ottobre predisporrà una ordinanza per estendere l’utilizzo del green pass. Notizia che non è andata giù ai vari movimenti contrari alla certificazione verde, tanto da chiedere le dimissioni di Giani in una manifestazione che convoglierà in piazza Cavour. “Il presidente della giunta regionale toscana ha espresso nei giorni scorsi alcuni concetti che possiamo senza dubbio definire sconci - spiegano le organizzazioni promotrici della manifestazione di protesta-. Con un’assenza di eleganza e di cultura politica, indegna di un uomo che siede in una posizione apicale, ha cercato di far passare un messaggio discriminatorio sulle centinaia di migliaia di toscani, cittadini esemplari che coscientemente e responsabilmente scelgono di non usare il siero genico; uomini e donne che, fedeli ai loro doveri costituzionali, esprimono pubblicamente in piazza e sulla stampa il loro pensiero, partecipano attivamente al dibattito sulla vita del Paese proponendo acute alternative al disastro sanitario in cui la classe dirigente italiana ha condotto la nazione”.

Insomma, un clima che domani alle ore 15.00 alle 19.00 si preannuncia molto di fronte alla sede del Consiglio Regionale in via Cavour a Firenze. Anche alla luce della nuova stretta preannunciata dal governo Draghi che probabilmente porterà ad applicare il green pass anche ad altra categorie mentre per questi cittadini “In realtà è il green pass, l’obbligo vaccinale che esso introduce surrettiziamente che va contestato. Esso è contrario a valori costituzionali fondamentali là dove vieta ai giovani di frequentare liberamente le scuole e le università, quando lascia senza salario i lavoratori che non si vaccinano, e quando blocca la libera circolazione e si oppone alle più elementari norme del vivere civile quali la possibilità di visitare i propri cari malati in ospedale e di salutare i defunti”. Al presidio parteciperanno il Fronte del dissenso, Ancora Italia, Movimento 3V, Fuoco R2020, Siena, Rivoluzione Allegra, Massa, Libero Fuoco, Firenze, Liberiamo l’Italia, Studenti contro il green pass, Firenze e Mugello che respira.

Potrebbe interessarti anche: Camper vaccinale dell'Asl Toscana sud est: ieri sera 56 vaccinazioni a Colle Val d'Elsa

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 13 settembre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su