Lamm Lavorazioni Metalliche

Il Calcit di Barberino Tavarnelle festeggia 30 anni di impegno per la cura e la prevenzione oncologica

Una rassegna di eventi alla Pineta di Barberino, il taglio del nastro del nuovo mammografo, acquistato con il contributo della comunità e il pranzo conclusivo insieme ai volontari

 CALCIT
  • Condividi questo articolo:
  • j

Trent’anni di impegno, servizi e attività volontarie sul territorio per la cura e la prevenzione oncologica dei malati e delle loro famiglie del territorio. L’associazione Calcit Comitato Autonomo Lotta contro i Tumori di Barberino Tavarnelle, presieduto da Michele Morandi, ha celebrato con tutta la comunità lo speciale anniversario. La quattro giorni di eventi, tra musica, buona cucina e intrattenimento, allestita nell’area della Pineta di Barberino Val d’Elsa, è culminata la scorsa domenica con il taglio del nastro del nuovo mammografo, un apparecchio di ultima generazione acquistato con il contributo economico dei cittadini, presso il poliambulatorio di via Aldo Moro a Tavarnelle Val di Pesa e il pranzo conclusivo che ha messo a tavola centinaia di cittadini nella struttura della Pineta. Lo strumento è stato finanziato dal Calcit, con la partecipazione diretta della comunità che ha contribuito all'acquisto attraverso l'erogazione di donazioni e la vendita del calendario “In seno alla vita”. Il nuovo mammografo permette una diagnosi precoce per l'individuazione del tumore al seno che è una delle patologie più diffuse e ad alta incidenza nella popolazione femminile. All’iniziativa hanno preso parte il sindaco e alcuni assessori di Barberino Tavarnelle.

Trent’anni e non sentirli. L’anima dell’associazione è costituita dai volontari che operano nel territorio di Barberino Tavarnelle e nei comuni limitrofi per la raccolta di fondi finalizzata ad erogare il servizio di assistenza e cura dei malati oncologici e garantire a domicilio le stesse cure che un malato può ricevere in ospedale. Il servizio di assistenza e cura dedicato ai malati di tumore assicura tutte le terapie utili per fronteggiare la malattia, contrastare l’avanzare della patologia ed alleviare le sofferenze con il supporto di medici specialisti, pronti ad intervenire anche a casa del paziente. “Sono ormai centinaia i malati dell’intera area chiantigiana che si sono avvalsi dei nostri servizi - dichiara Michele Morandi - siamo fermamente convinti che l’assistenza ai malati rappresenti una delle maggiori espressioni di solidarietà di una comunità libera e matura sotto il profilo sociale e civile”. Le attività dell'associazione sono possibili grazie al contributo dei soci e alla raccolta di risorse, organizzate in occasioni di iniziative pubbliche.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Il Punto ritrovato. Le ultraottantenni Anna e Graziella, amiche di ago e filo, ricamano ancora

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 14 settembre 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su