Il Pd di Radicondoli sulla geotermia: «E' parte della storia della comunità radicondolese»

«Dal 2009 - fa sapere il Partito Democratico - il Comune di Radicandoli ha regolato la ricerca di tale risorsa tramite utoe geotermiche inserendole nel Piano Strutturale. Le utoe Geotermiche sono antesignane delle ANI (aree non idonee) aree che la regione ha individuato e sta approvando ora. Le utoe sono fondamentali per chiarire le aree dove fare coltivazione geotermica. Questo per chiarire che il PD e che l’amministrazione comunale lavorano per una geotermia inserita nel territorio»

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

«Il comune di Radicondoli è un comune convintamente geotermico, una geotermia che tenga conto della risorsa e del territorio, che preservi l’ambiente e che individui le aree idonee alla coltivazione geotermica. La geotermia è inserita nella programmazione dell’Amministrazione Comunale ed è parte della storia della comunità radicondolese». Con queste parole il Partito Democratico di Radicondoli esprime il proprio dissenso rispetto all'esclusione della geotermia dagli incentivi pubblici per le energie rinnovabili, stando allo schema di Decreto legislativo FER 1 proposto dal Ministero per lo sviluppo economico.

«Dal 2009 - aggiunge - il Comune di Radicandoli ha regolato la ricerca di tale risorsa tramite utoe geotermiche inserendole nel Piano Strutturale. Le Utoe Geotermiche sono antesignane delle ANI (aree non idonee) aree che la regione ha individuato e sta approvando ora. Le utoe sono fondamentali per chiarire le aree dove fare coltivazione geotermica. Questo per chiarire che il PD e che l’amministrazione comunale lavorano per una geotermia inserita nel territorio e ben sviluppata non solo per la produzione elettrica ma anche per usi civici nell’ottica di sviluppare una economia circolare vera. Siamo contrariati della proposta di eliminare gli incentivi a tale risorsa e faremo tutto ciò che è in nostro potere per impedire che tale risorsa sia paragonata a una qualsiasi risorsa fossile».

Pubblicato il 27 novembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su