“Il taglio del bosco”, a Casole d’Elsa anteprima nazionale dello spettacolo ispirato al racconto di Carlo Cassola

L’opera di Cassola rivive grazie alla felice intuizione di Giovanni Guidelli, attore famoso in tutta Italia e valdelsano d’adozione, che ne cura adattamento e regia. Appuntamento mercoledì 26 luglio 2017 alle ore 21.15

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il taglio del bosco è il lungo racconto scritto da Carlo Cassola e ambientato su una collina del bosco di Berignone, nei pressi del fiume Sellate. E’ un testo dal tono elegiaco e rugale, che dà vita allo spettacolo omonimo che verrà messo in scena in anteprima nazionale mercoledì 26 luglio 2017 alle ore 21.15, in occasione del centenario dalla nascita dell’autore. L’opera di Cassola rivive grazie alla felice intuizione di Giovanni Guidelli, attore famoso in tutta Italia e valdelsano d’adozione, che ne cura adattamento e regia. «Il testo – ci ha raccontato lo stesso Guidelli al telefono – si prestava a meraviglia a una rappresentazione teatrale che fosse in grado di riportare lo spettatore in un’atmosfera atavica e onirica allo stesso tempo: le nostre radici, i lavori delle generazioni che ci hanno preceduto, la terra, la fatica… ma anche i valori dell’amicizia, della parola data, del rispetto. Gli eredi si sono detti entusiasti del progetto. Da parte mia è come una sorta d’investitura, un onore, ma dall’altra anche un grande carico di responsabilità verso uno degli autori i più importanti del Novecento italiano».

Sul palco insieme a lui un cast eterogeneo e di qualità: Henry Bartolini, Mirco Batoni, Diego Conforti, Vanni Corbellini, Francesco Grifoni, Nicola Pecci e Gabriele Zini. Francesco Mattonai aiuto regista. Dunque una rappresentazione interessante e originale, che si raffigura come un "film dal vivo". 

Lo scenario della rappresentazione non poteva che essere l’anfiteatro di Casole d’Elsa, comune a cui Cassola è particolarmente caro per La ragazza di Bube (Premio Strega nel 1960) e per la sua esperienza di partigiano.

«La serata – aggiunge Guidelli - sarà anche l’occasione per inaugurare l’associazione culturale AVATAR (Audio Video Author Theater Artst Resource), che avrà sede al Teatro Bargagli di Casole d’Elsa. L’obiettivo è quello di creare uno spazio aperto alla recitazione, in cui chiunque trasversalmente può partecipare. Cominceremo con un workshop a settembre, pensato soprattutto per i più giovani ma anche per i numerosi stranieri che abitano queste zone, con l’obiettivo preciso di diventare un punto di riferimento e di formazione in grado di abbracciare ogni influenza artistica, valorizzando le eccellenze già presenti e aiutando a crescere quelle ancora in divenire.

Casole d’Elsa si conferma quindi terreno fertile di creatività e attenzione per l’arte recitatoria e cinematografica. Dopo il Casole Film Festival ecco una nuova iniziativa che ha tutta l’aria di andare lontano.

L’evento del 26 luglio gode del patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Sotto la locandina, realizzata da Niko Giovanni Coniglio

Pubblicato il 9 luglio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su