Incidente in Autopalio: l'appello di un nostro lettore

Un nostro lettore ci ha segnalato un episodio avvenuto questa mattina intorno alle 9.00 nei pressi dell'uscita di Poggibonsi Sud

 VAL D'ELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Riportiamo l'appello di un nostro lettore protagonista di un episodio avvenuto questa mattina sulla Siena-Firenze

"Buongiorno, questo è un appello per un episodio accaduto questa mattina sulla Siena-Firenze  poco prima dello svincolo di Poggibonsi Sud direzione Firenze, alle ore 9.00 circa. Mentre stavo sorpassando un mezzo pesante mi sono trovato  difronte un grosso ostacolo che poteva sembrare un tubo di ferro di circa 1,5-2 metri, piuttosto articolato, insomma non lineare. Non ho potuto evitarlo e ho sentito un gran botto, mentre pezzi vari volavano ovunque, tanto che l'autista del camion accanto a me ha effettuato una brusca frenata per lo spavento. Mi sono fermato subito dopo l'uscita di Poggibonsi Sud e mi sono trovato con altre due auto che avevano avuto lo stesso impatto. Il danno più grave l'ho avuto io, in quanto ho distrutto mezzo frontale. Gli altri hanno avuto danni alle ruote e forse agli assali. La polizia, intervenuta sul posto anche con l'ANAS, ha fatto i dovuti rilievi, ma ritengono che le assicurazioni non procederanno con i rimborsi, in quanto non si conosce il mezzo che ha perso questo materiale o pezzi meccanici così importanti. Devo dire che sono stato fortunato perché non avuto danni peggiori e non sono uscito di strada o altro, perché l’impatto è stato molto violento e il danno è molto importante. Quindi, mi appello a chi, attorno a quell'ora, in  transito sullo stesso tratto di strada, avesse notato qualche mezzo perdere qualcosa e se fosse in grado di darne descrizione o addirittura numero di targa".

Chiunque abbia info utili può scriverci alla posta di redazione  info@valdelsa.net o sulla nostra pagina Facebook

Potrebbe interessarti anche: Bambino di 13 anni vittima di violenza sessuale

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 5 febbraio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su