Infermieri di famiglia: premiati due progetti della Asl Toscana sud est

Cerimonia a Firenze nell'ambito del congresso nazionale delle professioni infermieristiche

 PROVINCIA DI SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Due progetti della Asl Toscana sud est verranno premiati mercoledì 12 maggio a Firenze, nell’àmbito del congresso nazionale della Fnopi, la Federazione nazionale dell’Ordine delle professioni infermieristiche. “Il primo è stato elaborato dal gruppo infermieristico del Valdarno e il secondo da quello di Grosseto - ricorda Vianella Agostinelli, direttore del dipartimento infermieristico e ostetrico della Asl Toscana sud est - entrambi sono stati riconosciuti dalla Fnopi tra le migliori esperienze legate dell’infermieristica territoriale, di prossimità e di comunità. L’esperienza del Valdarno, “I colori delle farfalle”, sottolinea il ruolo dell’infermiere di famiglia in un àmbito assistenziale di particolare complessità, quale quello della gestione del bambino cronico in età evolutiva. Il progetto dell’area grossetana, “Fuori dal guscio”, vede l’infermiere di famiglia e comunità impegnato a sviluppare interventi di prevenzione secondaria rivolti a persone con patologie croniche tra cui dipendenza da abuso di alcol, dal gioco d’azzardo, dal fumo, obesità, diabete, malattie cardiovascolari”.

Vianella Agostinelli ricorda che nel settembre 2020 l’Asl Tse ha istituito la funzione di infermiere di famiglia e comunità all’interno dei nuclei infermieristici di cure primarie, che fanno riferimento alle unità operative di assistenza infermieristica territoriale. La sperimentazione è stata avviata in undici realtà territoriali delle province di Arezzo, Siena e Grosseto. Sono stati quindi costituiti team clinico-assistenziali, identificata la popolazione di riferimento e fatta la necessaria formazione del personale. Infine è stata deliberata l’assunzione di 132 infermieri.

È importante ricordare che il ruolo dell’infermiere di famiglia si traduce nella presa in cura infermieristica delle persone con bisogni di salute già espressi come continuità assistenziale - sottolinea Agostinelli - prevede anche un aspetto proattivo della cura che interviene prima dell’eventuale comparsa della malattia con una funzione di prevenzione. Questo rende la figura professionale poliedrica e capace di interagire con tutti gli altri professionisti dell’àmbito sanitario e sociale nella lotta alla cronicità, alla fragilità e nella promozione della salute, educando le persone a stili di vita sani. Il lavoro che stiamo portando avanti per offrire servizi sempre più rispondenti ai bisogni dei nostri cittadini viene oggi valorizzato anche da questo importante riconoscimento del nostro Ordine professionale, a conferma che dobbiamo continuare a lavorare insieme ai cittadini, agli altri professionisti e alle istituzioni per potenziare i servizi di cure primarie territoriali”.

Potrebbe interessarti anche: Incidente stradale: ferito un 34enne

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 10 maggio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su