Insieme Poggibonsi: «Le imprese certificano il fallimento di questa Giunta»

«Ricordiamo gli slogan del Sindaco in campagna elettorale - prosegue la nota stampa - 'Non una Impresa di meno, non un lavoratore di meno' oppure 'Attrarre nuova Impresa'. Le aziende invece lasciano Poggibonsi per i comuni limitrofi e contestano il Sindaco. Proprio le imprese certificano il fallimento di questa Giunta, denunciando la mancanza di una visione futura della città, di un nuovo strumento urbanistico che le penalizza e non riesce a fermare l’emorragia di aziende verso i comuni limitrofi»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Prendiamo atto ancora una volta delle critiche pesanti da parte delle imprese all’azione di questo Sindaco e di questa Giunta in merito allo sviluppo economico di questa città». Così la lista civica Insieme Poggibonsi commenta con un comunicato le dichiarazioni della CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della piccola e media impresa) Valdelsa sul Piano Operativo approvato dall'Amministrazione Bussagli.

«Ricordiamo gli slogan del Sindaco in campagna elettorale - prosegue la nota stampa - “Non una Impresa di meno, non un lavoratore di meno” oppure “Attrarre nuova Impresa”. Le aziende invece lasciano Poggibonsi per i comuni limitrofi e contestano il Sindaco. Proprio le imprese certificano il fallimento di questa Giunta, denunciando la mancanza di una visione futura della città, di un nuovo strumento urbanistico che le penalizza e non riesce  a fermare l’emorragia di aziende verso i comuni limitrofi. Solo un anno fa avevano richiamato l’attenzione sullo stato di abbandono delle zone industriali, in particolare quella di Drove dove manca “una rete fognaria efficiente, un’illuminazione degna di un’area industriale (anche per la sicurezza), l’acqua potabile, servizi per i quali le imprese pagano oneri e imposte”».

«Le imprese quindi, lasciano Poggibonsi non per delocalizzare all’estero o per la crisi economica - continua -, ma perché nelle zone industriali mancano le fognature, l’illuminazione, la possibilità di espandersi a causa di una burocrazia voluta da questo Sindaco. Leggiamo oggi sui giornali la difesa d’ufficio del capogruppo Mauro Burresi che attacca le imprese incolpandole di “attacchi strumentali” invece di scusarsi per servizi da paese del terzo mondo e norme che danneggiano le imprese invece di incentivarle. Ricordiamo al capogruppo ed al Sindaco che anche le aziende agricole avevano lamentato un Piano Operativo che non le aveva coinvolte e norme che danneggiano gli agricoltori, ad esempio il divieto di recintare i propri vigneti contro cinghiali e caprioli. Anche qui attacchi strumentali?».

«Invitiamo il Sindaco Bussagli ed il capogruppo Burresi - conclude Insieme Poggibonsi - a fare autocritica e prendere atto della propria incapacità di gestire e favorire lo sviluppo economico di questa città. A capire che quando ricevi delle critiche da tutto il mondo produttivo (associazioni di imprese artigiane e di piccole e medie imprese, associazioni di  agricoltori) va aperto un tavolo di confronto e non uno di scontro, altrimenti si certifica la propria incapacità di amministrare e di non essere più votati alle prossime elezioni comunali del 2019. Cosa che noi della lista civica Insieme Poggibonsi ci auguriamo».

Pubblicato il 9 ottobre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su