''Insieme Poggibonsi'': «Staggia? Cittadini di serie B: circonvallazione fantasma e nessuna opera pubblica»

La lista civica "Insieme Poggibonsi" interviene sulla frazione di Staggia Senese, dopo le segnalazioni di alcuni cittadini che «si sentono abbandonati dal sindaco e da questa amministrazione - come viene sottolineato da una nota -. Il lavoro del Bussagli si è concentrato solo sul centro città e sulle feste al Cassero, dimenticando tutte le frazioni del nostro comune, prima tra tutte Staggia»

  • Condividi questo articolo:
  • j

La lista civica "Insieme Poggibonsi" interviene sulla frazione di Staggia Senese, dopo le segnalazioni di alcuni cittadini che «si sentono abbandonati dal sindaco e da questa amministrazione - come viene sottolineato da una nota -. Il lavoro del Bussagli si è concentrato solo sul centro città e sulle feste al Cassero, dimenticando tutte le frazioni del nostro comune, prima tra tutte Staggia». 

«Sono ormai passati 9 anni da quando il Comune annunciava la realizzazione della famosa circonvallazione di questa frazione - attacca la lista civica -. Si sono spesi 70.000 euro e della strada ancora nemmeno un metro di asfalto. Già a marzo 2016 abbiamo segnalato il blocco del progetto ma dall’amministrazione nessuna risposta. I cittadini di Staggia si rendono conto oggi di essere considerati cittadini di serie B, elettori usa e getta in mano del partito». 

«Ma la gente ci chiama per denunciare altri piccoli e grandi disagi - spiega "Insieme Poggibonsi" -, come i posteggi non finiti, le strade pericolose senza dissuasori, i cassonetti e la spazzatura ad accogliere i turisti, le fognature che tracimano dopo le forti piogge. Tutti segnali di una disattenzione dell’amministrazione comunale che qui è assente».  

«Presenteremo una interrogazione per sapere a che punto è il progetto della circonvallazione e in che tempi il sindaco pensa di poter iniziare questa opera importante per il decoro e la sicurezza di questa frazione - conclude la nota -. Invitiamo il sindaco Bussagli ad uscire dal centro di Poggibonsi per visitare tutte le frazioni e risolvere i problemi anche dei cittadini delle piccole comunità periferiche che hanno strade e servizi da Medioevo». 

Pubblicato il 12 gennaio 2017

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su