Italia e Spagna già vedono l'Euro 2020

Manca praticamente un anno al grande appuntamento dell'Euro 2020, nel quale si sfideranno le migliori nazionali europee per la prima volta in un formato inedito, ossia itinerante. Con le semifinali e le finali che si giocheranno nel glorioso stadio di Wembley, a Londra, e i rimanenti incontri in altri undici stadi in tutto il continente, l'aspettativa è molto alta. Ed è per questo che alcune nazionali storiche già stanno facendo passi avanti importanti per sancire quanto prima la loro qualificazione a questo evento storico che avrà luogo sessant'anni dopo la prima edizione

Italia
  • Condividi questo articolo:
  • j

Manca praticamente un anno al grande appuntamento dell'Euro 2020, nel quale si sfideranno le migliori nazionali europee per la prima volta in un formato inedito, ossia itinerante. Con le semifinali e le finali che si giocheranno nel glorioso stadio di Wembley, a Londra, e i rimanenti incontri in altri undici stadi in tutto il continente, l'aspettativa è molto alta. Ed è per questo che alcune nazionali storiche già stanno facendo passi avanti importanti per sancire quanto prima la loro qualificazione a questo evento storico che avrà luogo sessant'anni dopo la prima edizione. Iniziate lo scorso 21 marzo, le qualificazioni per l'europeo vedono già alcune grandi squadre vincere con convinzione e mettere quasi un'ipoteca sulla partecipazione al torneo dell'anno prossimo. Tra le nazionali più quotate l'Italia e la Spagna sono sicuramente quelle che hanno iniziato meglio, dato che in questo momento registrano quattro vittorie su quattro. La nazionale di Roberto Mancini è senza dubbio quella che sembra avere più convinzione nei propri mezzi, come dimostra la vittoria in rimonta contro la Bosnia griffata dai goal di Lorenzo Insigne e Marco Verratti, due piccolini ex Pescara che potrebbero essere grandi protagonisti in azzurro. 

Composta da una serie di elementi della Juventus, una delle squadre con più possibilità di vincere in Europa l'anno prossimo da come si evince dalle quote delle scommesse sulla Champions League, l'Italia sta provando a riprendersi dopo una serie di anni senza successo nei quali ha vissuto anche l'onta della mancata qualificazione ai mondiali di Russia dell'anno scorso. L'arrivo di Mancini, un tecnico esperto e con i piedi per terra, sulla panchina azzurra ha sicuramente cambiato l'andazzo rispetto a quanto vissuto prima con Giampiero Ventura, un allenatore che probabilmente non avrebbe mai dovuto essere il selezionatore dell'Italia. Adesso l'ex tecnico dell'Inter ha puntato su un mix giusto tra i senatori come Chiellini, Bonucci e Quagliarella e giovani di belle speranze come Barella, Kean e Chiesa, oltre a dare in mano il gioco a elementi come Insigne e Verratti, che sanno dare del tu al pallone. Il prossimo incontro con l'Armenia fuori casa potrà essere importante per mettere a referto la quinta vittoria consecutiva nel girone ed arrivare a quindici punti, cifra che potrebbe essere praticamente decisiva nei conti verso la qualificazione all'Euro. 

Dal canto suo, anche la Spagna si trova in una situazione molto favorevole dopo aver vinto quattro partite su quattro. L'ultimo trionfo contro la Svezia ha dimostrato che anche se in situazioni complicate la nazionale capitanata da Sergio Ramos, uno degli autori dei goal nel 3-0 finale, dispone di una dose di talento tale da poter vincere anche gli incontri meno agevoli. Con Fabian Ruiz, centrocampista del Napoli, come uno dei giocatori più effervescenti del momento, la squadra iberica si è prefissata l'obiettivo di centrare quanto prima la qualificazione all'europeo, qualcosa che potrà essere più vicino dopo la prossima trasferta in Romania a settembre. Campione nel 2008 e nel 2012, la Spagna di Ramos, presente in entrambi i tornei, vorrà far sentire di nuovo la sua voce al continente intero.

Pubblicato il 30 giugno 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su