Lamm Lavorazioni Metalliche

L'Archeodromo di Poggibonsi, un viaggio nell'Alto Medioevo

Con il libro “l'Archeodromo di Poggibonsi, un viaggio nell'Alto Medioevo”, Marco Valenti, professore di archeologia cristiana e medioevale all'Università di Siena, è in lizza per il Premio Italia Medievale 2020

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Con il libro “l’Archeodromo di Poggibonsi, un viaggio nell’Alto Medioevo”, Marco Valenti, professore di archeologia cristiana e medioevale all’Università di Siena è in lizza per il Premio Italia Medievale 2020.

L'Associazione Culturale Italia Medioevale ha infatti istituito nel 2004 il Premio Italia Medievale, con lo scopo di sostenere chi, come loro, opera per la ri-scoperta e la ri-nascita di quell’epoca.

Dal sito dell’Università di Siena si può leggere nella premessa della descrizione del libro:

“Questo contributo, infatti, concerne l’esperienza Archeodromo in corso di svolgimento a Poggibonsi in provincia di Siena; un sito dove si persegue l’esperenzialità sia degli archeologi sia del pubblico attraverso le ricostruzioni, l’archeologia sperimentale, la narrazione. È la ricostruzione in scala reale del villaggio di IX-X secolo scavato in questa cittadina, a Poggio Imperiale, cioè nella sua area monumentale2 . Si tratta di un’iniziativa nuova per il nostro Paese; non nuova nelle forme ma nei contenuti e nel rapporto con il pubblico; inoltre nel contesto di politica dei beni culturali in cui si muove. Svilupperò, dunque, tali caratteri nel testo. Un ulteriore precisazione e me ne scuso. Questo testo, pur ancora valido nella sua filosofia di fondo, non ritrae più la realtà attuale dell’Archeodromo. Oggi, dicembre 2019, le strutture ricostruite sono sei e il progetto sta per avere un’ulteriore accelerata per il suo compimento. Infine è da poco uscito a mia firma il volume Archeodromo di Poggibonsi. Un viaggio nell’Alto Medioevo, Bari, Edipuglia 2019”.

“Il Parco della Fortezza medicea di Poggio Imperiale occupa la collina sovrastante Poggibonsi; esteso circa 12 ettari, conserva la memoria delle origini della città. Nato da una sinergia fra il Comune di Poggibonsi e l’Università degli Studi di Siena ed inaugurato nel settembre 2003, comprende oggi diversi poli di interesse: la stessa fortezza con il circuito di mura da poco restaurato e il suo cassero, l’area archeologica (2 ettari scavati), il centro di documentazione, infine l’Archeodromo”.

L'apertura dell'Archeodromo, rimandata causa maltempo, è prevista per domenica 21 giugno. Per informazioni: www.facebook.com/archeopb/

Potrebbe interessarti anche: L'esperienza innovativa dell'Archeodromo nel libro scritto da Marco Valenti

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 15 giugno 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su