L'Archeodromo di Poggio Imperiale protagonista a Paestum

Il 29 ottobre prossimo l'Archeodromo di Poggio Imperiale sarà protagonista a Paestum (Salerno) nell'ambito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico giunta quest'anno alla XIX edizione. La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si svolgerà presso la sala conferenze Museo Archeologico di Paestum dal 27 al 30 ottobre. Il 29 è in programma “Tutto il resto è noia. Conquistare il pubblico con mezzi non convenzionali: archeologia tra gamification, reenacting e social media” a cura di ArcheoPop e Professione Archeologo

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il 29 ottobre prossimo l'Archeodromo di Poggio Imperiale sarà protagonista a Paestum (Salerno) nell'ambito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico giunta quest'anno alla XIX edizione. La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si svolgerà presso la sala conferenze Museo Archeologico di Paestum dal 27 al 30 ottobre. Il 29 è in programma “Tutto il resto è noia. Conquistare il pubblico con mezzi non convenzionali: archeologia tra gamification, reenacting e social media” a cura di ArcheoPop e Professione Archeologo. Introducono e moderano Astrid D'Eredità, Archeologa, esperta di comunicazione culturale e digitale (ArcheoPop) e Antonia Falcone, Archeologa, social media manager e copywriter (Professione Archeologo).

Fra i protagonisti ci sarà anche l'Archeodromo di Poggibonsi, presente con il professor Marco Valenti, Associato di Archeologia Cristiana e Medievale Università degli Studi di Siena che parlerà di “Esperienzialità e divulgazione… senza sensi di colpa…”, e con Federico Salzotti, presidente Archeòtipo Srl.

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico è un format di successo – testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO, UNWTO e ICCROM – e un evento originale nel suo genere: sede dell’unico Salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico, con 100 espositori di cui 20 Paesi esteri; luogo di approfondimento e divulgazione di temi dedicati al turismo culturale ed al patrimonio; occasione di incontro per gli addetti ai lavori, per gli operatori turistici e culturali, per i viaggiatori, per gli appassionati; opportunità di business nella splendida cornice del Museo Archeologico con il Workshop tra la domanda estera selezionata dall’Enit proveniente da 8 Paesi (Austria, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera) e l’offerta del turismo culturale ed archeologico.

Il progetto dell'Archeodromo di Poggibonsi, finanziato da Arcus Spa, è promosso dalla Fondazione Musei Senesi e dal Comune di Poggibonsi ed è stato realizzato dall'Insegnamento di Archeologia Cristiana e Medievale attivo presso il Dipartimento di Scienze storiche e beni culturali dell'Università degli Studi di Siena con Arkè Archeologia Sperimentale e Archeòtipo Srl.

Pubblicato il 25 ottobre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su