L'igiene ai tempi del Covid-19: migliorare le nostre abitudini personali sconfigge il virus

Quando il nuovo coronavirus è apparso su tutti i telegiornali, il panico si è scatenato. Le persone hanno smesso di sentirsi al sicuro persino in casa propria. Il Covid-19 sembrava essere ovunque: era troppo infettivo, si trasmetteva per vie respiratorie e poteva persino perdurare sulle superfici

 IGIENE E COVID
  • Condividi questo articolo:
  • j

C’è un lato positivo in tutta questa vicenda: l’igiene personale è aumentata molto. Anche la tecnologia ci ha aiutato: di fatti, il Covid-19 ha messo in evidenza l’inefficienza di certi sistemi di ventilazione, molto importanti per fare arieggiare le stanze chiuse ed evitare la diffusione del virus.

Ciò ha fatto molto scalpore, tanto che notiziari del calibro del Sole24Ore ne hanno parlato più volte - puoi vederne un esempio qui. Come è possibile vedere verso la fine dell’articolo, la tecnologia ha fortunatamente aiutato, con colossi del calibro di Panasonic che hanno sviluppato sistemi in grado di ridurre il contagio da Covid-19 al chiuso oltre il 91%.

Tuttavia, molti sembrano avere dimenticato gli episodi di sciacallaggio che sono avvenuti a inizio marzo 2020. Nessuno sapeva bene cosa fare, e il panico era alto. Molte persone (sciacalli) hanno cominciato a vendere Amuchine, mascherine e veri e propri kit di sopravvivenza a prezzi esorbitanti. In preda al panico, c’è chi ha comprato. Per non parlare dei rifugi, veri e propri bunker antiatomici, dove i ricchi si rifugiarono. Scenari da film apocalittici. Per chi si fosse dimenticato, ecco qui un altro articolo che ci ricorda che certe cose, come persone che hanno speso 5000 dollari per kit di sopravvivenza, sono successe davvero. Fortunatamente, questi episodi non sono durati molto. Le autorità hanno prontamente reclutato medici, virologi, epidemiologi e tante altre figure esperte di epidemie e pandemie che, nel giro di qualche mese, hanno riferito quali fossero i mezzi più efficaci per tutelarsi dal rischio di contrarre il Covid-19. Il mezzo numero 1 era proprio quello: l’igiene personale.

L’evoluzione dell’igiene personale

Tutti i mezzi di comunicazione cominciarono a diffondere video educativi su come lavarsi le mani, sull’utilità delle mascherine, sulle misure di distanziamento da adottare e quant’altro. Ciò ha sicuramente contribuito a ridurre i contagi. Insieme alle misure di distanziamento, le autorità hanno diffuso l’importanza di disinfettanti per le mani. Ogni negozio, dopo qualche mese, doveva disporne, e i clienti dovevano utilizzarlo. Anche questo ha aiutato a ridurre la presenza di Covid-19 sulle superfici.  Oltre a tutto questo, sono stati diffusi dei reportage sull’importanza dell’igiene personale generale, come l’utilizzo di prodotti per la cura del corpo, farsi la doccia di frequente, utilizzare salviettine rinfrescanti ed igienizzanti. Ad oggi, queste indicazioni rappresentano ancora le migliori armi contro il Covid-19.

A tal proposito, molti negozianti e rivenditori noti sul territorio si sono adoperati con tutto il necessario. Inoltre, le persone possono visitare gli spazi online, come il volantino Tigotà, per scoprire di cosa hanno bisogno senza recarsi di persona. Il rischio di contrarre il Covid-19 viene, dunque, ulteriormente ridotto.  La tecnologia ha ancora una volta aiutato, anche se in maniera indiretta rispetto ai sistemi di ricircolo dell’aria per gli spazi chiusi. Tuttavia, anche i negozi e supermercati fisici, come Aldi, MD e Lidl, dispongono di prodotti per la cura del corpo. Questa tendenza è sintomo della grande attenzione che si dedica all’igiene personale in tempi di pandemie e ristrettezze.

Cosa ci riserva il futuro?

Questa domanda è un’incognita, poiché come nessuno ha potuto prevedere lo scoppio di una pandemia, nessuno può dire con esattezza cosa accadrà. Il buon senso suggerisce di tenere vive tutte le precauzioni necessarie per mantenere alti i livelli di igiene. Come dimostrato da diversi esperti nel campo sanitario, non è vero che un’eccessiva igiene produce più malattie. Seppur è vero che il corpo è una macchina e ha bisogno di stimoli per sviluppare gli anticorpi, è anche vero che le grosse malattie del passato sono state sconfitte grazie all’igiene. Dunque, ci conviene tenere a portata di mano prodotti igienizzanti e mantenerci sempre puliti e disinfettati. Se vogliamo vivere liberamente come un tempo, dobbiamo farlo, sia per noi che per i nostri figli.

Potrebbe interessarti anche: Spettro autistico: come crescere un bambino che ne è affetto

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 19 ottobre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su