La App Il Castello di Monteriggioni 3.0 parla anche francese e spagnolo

«La App 'Il Castello di Monteriggioni 3.0' e i QR Code - spiega Raffaella Senesi, sindaco di Monteriggioni con delega anche a turismo e cultura - sono stati, fin dalla loro realizzazione, due strumenti molto utili per promuovere il nostro territorio e il nostro patrimonio storico e artistico attraverso le nuove tecnologie, offrendo un modo nuovo di vivere i musei e la cultura e integrandolo con la segnaletica già esistente»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

La storia e il Castello di Monteriggioni si avvicinano sempre di più ai numerosi visitatori stranieri grazie alle nuove tecnologie. Dopo la versione italiana, inglese e tedesca, la App “Il Castello di Monteriggioni 3.0”, realizzata nel 2012 da Comune, Monteriggioni A.D. 1213 e Fondazione Musei Senesi, e i QR Code presenti nel Castello parlano anche francese e spagnolo. L’iniziativa, resa possibile dalla collaborazione con gli studenti dell’Università per Stranieri di Siena, è stata finanziata con risorse assegnate dalla Regione Toscana al Comune di Monteriggioni attraverso il Bando PIR, Progetto di iniziativa regionale. Lo stesso bando ha sostenuto anche il progetto di storytelling “La nobildonna e il milite, la cuoca e il menestrello. Medioevo in campo lungo” rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado per far conoscere la storia di Monteriggioni e i suoi personaggi in modo divertente e interattivo e promosso nei mesi scorsi.

«La App ‘Il Castello di Monteriggioni 3.0’ e i QR Code - spiega Raffaella Senesi, sindaco di Monteriggioni con delega anche a turismo e cultura - sono stati, fin dalla loro realizzazione, due strumenti molto utili per promuovere il nostro territorio e il nostro patrimonio storico e artistico attraverso le nuove tecnologie, offrendo un modo nuovo di vivere i musei e la cultura e integrandolo con la segnaletica già esistente. Le versioni in lingua straniera sono partite da inglese e tedesco con l’obiettivo di estenderle presto anche al francese e allo spagnolo, completando le maggiori lingue internazionali. Questo obiettivo è stato raggiunto grazie alla preziosa collaborazione dell’Università per Stranieri di Siena, che ringrazio insieme a Monteriggioni A.D. 1213 e alla Fondazione Musei Senesi, che hanno curato e coordinato il progetto offrendo ai nostri visitatori la possibilità di conoscere e comprendere fino in fondo il territorio e la sua comunità di ieri e di oggi».

La App “Il Castello di Monteriggioni 3.0” consente di navigare su mobile alla scoperta di dodici punti di interesse descritti con testi, immagini, audio e video e può essere scaricata per iPhone, iPad e in versione Android. Le nuove versioni sono state tradotte, per la lingua francese, da Benedetta Sardelli ed Elena Barreca, coordinate dai docenti Ornella Tajani e Jonathan Merlo del Centro Linguistico Class - Università per Stranieri di Siena, mentre la lingua spagnola è stata curata da Javier Sanz Muro, Fernando Hernani Ramos e Francesca Proietti, con il docente Daniele Corsi, del Centro Linguistico Class - Università per Stranieri di Siena. 

Pubblicato il 9 novembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su