La Fiera dell'Alberaia si conferma un successo. Ora si pensa alla ventesima edizione

«Siamo molto contenti del successo di questa edizione - ha detto il presidente del Comitato organizzatore Fiera dell'Alberaia Luigi Menichetti - È andata bene! Avevamo paura, viste le previsioni metereologiche, che il brutto tempo potesse rovinarci la festa, invece tutto è filato liscio. Specialmente la domenica abbiamo registrato una presenza strepitosa con migliaia di partecipanti. Le macchine, parcheggiate addirittura oltre lo spazio adibito, arrivavano lungo la strada fino alla Speranza»

 CASOLE D'ELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Una fiera che non smette mai di incuriosire, stupire e sorprendere tutti, adulti e bambini. Una fiera di quelle che non si vedono più tanto spesso, che ha mantenuto nel tempo le caratteristiche delle manifestazioni di una volta. Un appuntamento per gli agricoltori e gli allevatori della Val d'Elsa e non solo. È la Fiera dell'Alberaia, che si è tenuta nel weekend appena trascorso, dal 23 al 25 agosto in Località Molino d'Elsa (a Casole d'Elsa), giunta all'edizione numero diciannove.

L'iniziativa si presenta come una grande festa dell’agricoltura e dell'allevamento e allo stesso tempo un’occasione per richiamare l’attenzione di cittadini e operatori economici, agricoltori e non solo, sui possibili scenari che si possono aprire grazie ad una più stretta relazione fra territorio, agricoltura di qualità, turismo, cultura. In programma, come ogni anno, ci sono state esposizioni di animali (cani da seguita e da compagnia, zimbelli, rapaci), stand gastronomici con i piatti dello Chef Lazzaro, ma anche spettacoli di falconeria, vasta scelta di produzioni casearie e vinicole, artigianato, musica con orchestra e comicità. Si è tenuta la Mostra regionale di Cinta Senese in collaborazione con l’Associazione Allevatori della Toscana e la Mostra di bestiame delle aziende del territorio.

La manifestazione ripropone gli elementi più veri che caratterizzavano la fiera di un tempo. L'evento ha ormai raggiunto un livello di importanza tale che nemmeno gli organizzatori se lo aspettavano, quando nel 2001 decisero di far rivivere questa antica festa, una vera e propria scommessa che, grazie all'interesse e all'aiuto di enti, operatori economici e di tanti e tanti amici, possono dire di aver vinto.

«Siamo molto contenti del successo di questa edizione - ha detto il presidente del Comitato organizzatore Fiera dell'Alberaia Luigi Menichetti - È andata bene! Avevamo paura, viste le previsioni metereologiche, che il brutto tempo potesse rovinarci la festa, invece tutto è filato liscio. Specialmente la domenica abbiamo registrato una presenza strepitosa con migliaia di partecipanti. Le macchine, parcheggiate addirittura oltre lo spazio adibito, arrivavano lungo la strada fino alla Speranza».

«Il prossimo anno ricorre il ventennale e vorremmo organizzare una festa ancora più bella - conclude -. Credo che l'elemento vincente sia l'ambiente rurale, il fatto che la manifestazione si tenga qui al Molino d'Elsa, in aperta campagna, dove possiamo approfittare di un bel piazzale e delle piante. Ogni anno cerchiamo di rendere questi giorni sempre più familiari per valorizzare la cultura del nostro territorio e le nostre tradizioni».

Pubblicato il 30 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su