La Finanza scopre piantagione di marijuana tra Poggibonsi e Barberino Tavarnelle

Una estesa piantagione di cannabis, ben nascosta tra la fitta vegetazione, è stata individuata di recente dalle Fiamme Gialle senesi a seguito di mirata segnalazione pervenuta della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pisa

 VAL D'ELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

La pattuglia automontata infatti, come di consueto, stava assicurando supporto all’unità aerea attuando un sinergico controllo economico del territorio nella parte nord della Provincia, allo scopo di contrastare la coltivazione di sostanze stupefacenti ed individuare possibili discariche abusive celate tra la vegetazione. La sostanza stupefacente, se messa sul mercato, avrebbe fruttato circa 15.000 euro.

I militari intervenuti sul posto hanno rinvenuto, occultate all'interno di una radura circondata da rovi e nascosta da fitta vegetazione, circa 50 piante di canapa alte fino a tre metri in fase di maturazione, 150 arbusti privi di foglie lasciati in appositi vasi e circa 170 grammi di foglie di marijuana avvolte in appositi contenitori di nylon predisposti verosimilmente per la minuta vendita. L’intera piantagione era attrezzata con autonomo impianto di irrigazione con pompa ad immersione che non necessitava della costante presenza dell’uomo.

Le piante di cannabis da cui sarebbero stati rinvenuti oltre 8 chilogrammi di prodotto, qualora immesso nel mercato degli stupefacenti, avrebbero fruttato un profitto illecito di circa 15.000 euro a beneficio del coltivatore. L’efficace operazione, ultima di una lunga serie di sequestri di sostanze stupefacenti e svolta in piena sinergia fra la componente aerea e quella territoriale del Corpo, rientra nel più ampio dispositivo di controllo eseguito a contrasto dei traffici illeciti di qualsiasi genere, che spesso prevede l’abbinamento alla pattuglia a terra di quella aerea, sì da consentire una più efficace mappatura del territorio fra le finalità proprie della mission istituzionale del Corpo.

Il prodotto rinvenuto è stato immediatamente posto sotto sequestro al fine di impedirne la commercializzazione.

Potrebbe interessarti anche: Covid-19, per andare nelle seconde case rimane l'obbligo di avere il medico in Toscana

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 25 gennaio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti