La lavanda: la valle dei profumi e dei colori in Toscana

Il merito è di un gruppo di imprenditori agricoli che hanno lavorato all'idea di dare vita alla valle dei profumi e dei colori nelle colline pisane, trasformando il paesaggio in uno splendido e colorato luogo di attrazione e di riflessione

 LAVANDA A SANTA LUCE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Non è solo una passione che può diventare un’attività, ma è anche gusto per la bellezza e arte nel disegnare un paesaggio. Sì perché la lavanda è una ricercata pianta officinale con proprietà positive per il benessere, è una pianta ornamentale che abbellisce ambienti esterni e oggetti, è duttile all’impiego di una moltitudine di cose, che vanno dai saponi, alle buste di aromatizzazione ambiente, pregiato miele, tisane e tante altre ancora.

In tempi relativamente recenti si sta diffondendo in maniera più consistente anche in Toscana, ne è esempio Santa Luce, dove la sua coltivazione ha dato oltretutto lustro turistico al paese.

Sembra di essere in Provenza ed invece siamo in Toscana, precisamente tra Santa Luce e Orciano Pisano in provincia di Pisa.

Il merito è di un gruppo di imprenditori agricoli che hanno lavorato all’idea di dare vita alla valle dei profumi e dei colori nelle colline pisane, trasformando il paesaggio in uno splendido e colorato luogo di attrazione e di riflessione, dove vivere un’esperienza diversa, nel rispetto dell’ambiente.

In questi giorni e all’incirca fino a metà luglio si possono ammirare sterminate distese viola, che se visitate al tramonto colpiscono la vista ancora di più con la complicità del contrasto dei colori arancioni e gialli del sole calante.

Con queste coltivazioni l’orizzonte assume vivaci panorami, che vanno dall’oro del grano, al giallo intenso dei girasoli, al viola della lavanda, insomma un “dipinto” a cielo aperto.

Grazie al clima favorevole cresce bene nelle zone mediterranee, la lavanda si accontenta di poca acqua, sta bene in zone soleggiate e ventilate.

Facendo una passeggiata in mezzo ai filari di lavanda si viene pervasi da un intenso gradevole profumo, tra circa due settimane verrà poi raccolta, a mano.
 

Potrebbe interessarti anche: ''Un'altra estate'', dal 9 Luglio al 16 Settembre alla scoperta della Toscana slow

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 30 giugno 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti