La schiacciata alla fiorentina, il dolce di Carnevale

Il Carnevale si avvicina: ecco il dolce immancabile sulle tavole, la schiacciata alla fiorentina

 SCHIACCIATA ALLA FIORENTINA
  • Condividi questo articolo:
  • j

La schiacciata alla fiorentina è a tutti gli effetti un dolce storico: citata già dal noto gastronomo ottocentesco Pellegrino Artusi, ha sicuramente un’origine molto antica e nel Settecento era chiamata anche “Schiacciata delle Murate” perché veniva realizzata dalle suore dell’omonimo convento in Via Ghibellina, e quando questo si trasformò nel tristemente famoso carcere, il dolce continuò a essere servito… come portata finale dell’ultimo pasto dei condannati!

La tradizione originale vuole questa deliziosa pietanza rigorosamente legata al Carnevale.

In questo periodo iniziano a scatenarsi le versioni di quale ricetta sia migliore e dove compre la più buona, noi vi proponiamo una ricetta "casalinga":

Ingredienti:

250 gr di farina

125 gr di zucchero

2 uova

Una tazzina di olio extravergine di oliva

Il succo di un’arancia e la scorza grattugiata

Un po’ di latte appena tiepido

Una bustina di lievito

Una puntina di bicarbonato

Preparazione:

Sbattere le uova con lo zucchero fino ad avere un composto cremoso. Unire la farina setacciata, alternandola con il succo dell’arancia e con l’olio versato a filo. Aggiungere un po’ di latte per portare l’impasto ad una consistenza quasi cremosa (di solito ne basta pochissimo). Aggiungere lievito e bicarbonato setacciati. Imburrare e infarinare una teglia rettangolare non troppo grande e mettere in forno a 180° per circa mezz’ora. La schiacciata sarà pronta quando alla prova dello stecchino questo risulterà completamente asciutto. Lasciare raffreddare e spolverare con zucchero a velo.

Se desiderate la farcitura, crema o panna a piacere. Regola vorrebbe che non fosse alta più di 3 cm. e rigorosamente di forma rettangolare.

Potrebbe interessarti anche: Pizza in casa: una ricetta facile e veloce

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 23 gennaio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su