La storia di Federico: l'infermiere che da Bergamo si è trasferito ad Arezzo per dare una mano

Pecetta, originario di Perugia, è un ragazzo che conduce con passione e umanità il suo lavoro

 FEDERICO PECETTA
  • Condividi questo articolo:
  • j

“Ho scelto di fare l'infermiere di emergenza da giovanissimo. Per un problema di salute, infatti, sono stato soccorso e seguito dai sanitari dell'emergenza. Il loro modo di lavorare, la capacità di aiutare concretamente e velocemente le persone, l'empatia che trasmettevano mi ha stregato. E' allora che ho deciso di voler essere un infermiere”. A volte sono gli eventi casuali della vita che ci spingono a scegliere cosa fare da grandi, è successo a Federico Pecetta.

Pecetta ha 29 anni e da due settimana è arrivato all’ospedale San Donato di Arezzo. È uno dei 25 infermieri che in questa pandemia hanno dato una mano all’Asl Toscana Sud Est. Un giovane qualificato con una laurea e due master in Emergenza e Area Critica conseguiti alla Sapienza di Roma e alla Bicocca di Milano.

Federico si è trovato all’ospedale di Bergamo nel suo momento più critico, più di un anno in prima linea nell’emergenza Covid. Non so neppure come ho fatto a non ammalarmi. In quei giorni ricoveravamo anche 80 persone al giorno, decine di corse con l'ambulanza, e quando arrivavamo nelle case trovavamo persone già con sintomatologia grave che spesso dovevamo immediatamente ossigenare e ricoverare in Terapia Intensiva.
Ero solo, vivevo solo e non incontravo nessuno. Nonostante ciò però la mia esperienza a Bergamo mi ha aiutato a reagire e ad essere pronto alle emergenze, a mettere da parte il dolore e la paura per curare, aiutare e sostenere i pazienti”. Ha raccontato l’infermiere, che ha scelto Arezzo per avvicinarsi alla sua famiglia che vive a Perugia. Nella città etrusca Federico ha trovato un team fantastico, dal punto di vista umano e lavorativo.

Potrebbe interessarti anche: Oscar green Coldiretti premia l'impollinazione con drone del sangimignanese Federico Montagnani

Torna alla home pege di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 24 giugno 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su