Bisniflex Poggibonsi showroom

La streetart arriva a Colle di Val d'Elsa. Laboratorio vicino alla piscina comunale

I lavori di pittura hanno interessato i muri di fronte all'ingresso principale della piscina comunale, dove si sono esibiti i ragazzi e artisti più noti come Jamesboy ed Exit Enter. Tutto questo non solo per dare un aspetto "carino" e creare dei disegni che migliorassero la zona del parcheggio, ma per permettere soprattutto ai giovani con questa passione di realizzarsi tramite la pittura, partecipando a un progetto comune e coltivare il loro interesse

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Dopo le recenti iniziative realizzate a Poggibonsi per promuovere la streetart, finalmente nasce anche a Colle di Val d'Elsa un progetto che coinvolge giovani adolescenti e artisti nella creazione di murales. Tutto parte dall'idea dello psicologo della salute Matteo Ceccherini, il quale decide di realizzare un laboratorio grazie anche all'aiuto di giovani ragazzi con la passione per i graffiti e degli operatori del servizio civile di educativa di strada. Il progetto prende spunto dalla collaborazione tra gli operatori di strada e il Comune di Colle, tramite l'Assessore alle Politiche Sociali Fabio Berti, e grazie all'autorizzazione dei residenti dei condomini circostanti.

I lavori di pittura hanno interessato i muri di fronte all'ingresso principale della piscina comunale, dove si sono esibiti i ragazzi e artisti più noti come Jamesboy ed Exit Enter. Tutto questo non solo per dare un aspetto "carino" e creare dei disegni che migliorassero la zona del parcheggio, ma per permettere soprattutto ai giovani con questa passione di realizzarsi tramite la pittura, partecipando a un progetto comune e coltivare il loro interesse. Dunque con questa iniziativa la città di Colle potrà godere di un'area molto più gradevole e serena di quella precedente (tra l'altro con il muro colmo di varie scritte offensive) e soprattutto i ragazzi hanno potuto vivere un'esperienza divertente e formativa che sperano di replicare in futuro.

Carlo Busini

Pubblicato il 8 novembre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su