La UilFpl Sud Est denuncia: ''Gravi criticità per gli operatori sanitari alle Scotte''

Lavoratori ancora in attesa degli emolumenti in Area Covid, mancanza di turn over, assunzioni in ritardo, i tempi lunghissimi per lo ''svincolo'' degli infermieri entrati nella graduatoria di mobilità esterna della Usl Sud Est

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

"Estrema, preoccupante e perdurante criticità nel personale sanitario che opera presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria alle Scotte di Siena, tale da evocare un ‘cold case’ (caso freddo o irrisolto)". Questa la denuncia che arriva dalla UilFpl Area Vasta Toscana Sud Est Siena - Arezzo - Grosseto, che aggiunge: "Lo stesso personale risulta, tra l’altro, ancora in attesa degli emolumenti relativi alle prestazioni effettuate in Area Covid provenienti dal Decreto Calabria (risorse disponibili finanziariamente, sembra, già da ottobre 2020). Non solo, gli operatori sanitari sono completamente ridotti all’osso, senza turn over adeguato, mentre il personale a suo tempo destinato in ‘area Covid’ è stato solo in parte sbloccato, visto che deve essere garantito il diritto alle ferie agli operatori sanitari dei reparti (altrimenti, forse, sarebbe ancora in detta area Covid)".

La speranza, sostiene la UilFpl, è che il Concorso ESTAR per infermieri appena terminato possa in qualche colmare le lacune "delle unità lavorative occorrenti, e consequenzialmente sollievo psicofisico, dato che la comunità sanitaria è al limite del burn out, con grave pericolo in termini di rischio clinico. Auspichiamo anche che si riprenda una adeguata programmazione in termini di assunzioni, per il reperimento del personale sanitario, al fine di non incorrere in situazioni incresciose come quella attuale. Inoltre, la contrattazione di livello integrativo è ferma da tempo, cosa che aggrava una situazione già di fatto estremamente pesante ed un clima organizzativo davvero pessimo, aspetto, quest’ultimo, che porta consequenzialmente ad un peggioramento della qualità del servizio alla cittadinanza".

"Infine, rimarchiamo la già pesantissima situazione della ritardata applicazione della graduatoria delle mobilità dell’Azienda Sanitaria Toscana Sud Est, il cui bando è stato deliberato nel maggio 2019 e la relativa graduatoria stilata nel giugno 2020, senza che, sino alla data odierna, sia stata possibile applicarla, visti i ritardi dell’AOUS ad accordare l’uscita del personale in graduatoria. E questo, nonostante le nostre ripetute sollecitazioni - spiega la UilFpl Area Vasta Toscana Sud Est Siena - Arezzo - Grosseto - il tardivo accordo per l’applicazione di detta graduatoria, recepito reciprocamente nei giorni scorsi, dalla Azienda Ospedaliero Universitaria Senese e dalla Azienda Sanitaria Toscana Sud Est, non ha purtroppo evitato la frustrazione di aspettative professionali e familiari che non possono/non debbono essere derubricate a “tempo tecnico occorrente”, bensì, a nostro avviso, alla inadeguata capacità programmatorio/assunzionale dell’Azienda Sanitario Ospedaliero Universitaria Senese, che in momento seppur difficilissimo come quelli dell’anno COVID, non ha di fatto applicato il turn-over, al contrario di altre Aziende Sanitarie nel medesimo contesto".

Per questo la UilFpl Toscana Sud Est monitorerà costantemente la situazione, "per una solerte e rapida applicazione della graduatoria di mobilità Azienda Sanitaria Toscana Sud Est, affinché gli operatori sanitari che aspettano da mesi di essere “liberati” e che, a nostro avviso, hanno ricevuto un danno economico e professionale, possano vedere le loro aspettative e speranze, finalmente accolte".

Potrebbe interessarti anche: Una corsa per donare un respiro: Gara di Solidarietà per la R.S.A di Colle di Val d'Elsa

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 7 giugno 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su