Lavori sull'Autopalio, Anas: «Cantieri completati prima di Ferragosto»

In questo momento sono in corso lavori di risanamento profondo del piano viabile con realizzazione di asfalto drenante per complessivi 4,7 milioni di euro che riguardano soprattutto la tangenziale Ovest di Siena e il tratto senese del raccordo autostradale Siena-Firenze. Questi interventi completano il piano avviato tre anni fa da Anas per la riqualificazione e l’innalzamento dei livelli di sicurezza del raccordo Siena-Firenze

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

In un articolo di pochi giorni fa abbiamo riportato le polemiche e il malcontento degli automobilisti che si sono trovati a percorrere la Siena-Firenze con ben due cantieri da Colle alla città del Palio, senza alcun avviso.

Abbiamo chiesto chiarimenti ad Anas, che ci ha spiegato che in questo momento sono in corso lavori di risanamento profondo del piano viabile con realizzazione di asfalto drenante per complessivi 4,7 milioni di euro che riguardano soprattutto la tangenziale Ovest di Siena e il tratto senese del raccordo autostradale Siena-Firenze. Questi interventi completano il piano avviato tre anni fa da Anas per la riqualificazione e l’innalzamento dei livelli di sicurezza del raccordo Siena-Firenze, per un investimento complessivo di oltre 46 milioni di euro, di cui 26,5 milioni di euro avviati nel biennio 2016-2017 e 20 milioni di euro avviati nel 2015.

Sempre secondo quanto ci è stato riferito, tutti i cantieri ad oggi attivi saranno completati prima dell’esodo di Ferragosto. In particolare, il cantiere attivo a Colle di Val d’Elsa, che riguarda il risanamento profondo della pavimentazione per oltre 1,5 km di carreggiata, sarà completato entro il 6 agosto. 

Ieri è stato rimosso un cantiere a Badesse, che ha consentito di risanare un altro chilometro di carreggiata. «Interverremo quindi per risanare il chilometro restante  - si legge nella risposta alla nostra email -, in corrispondenza dello svincolo di Siena Nord (chiuso in direzione Firenze) e anche questo completato entro il 6 agosto».

Pubblicato il 25 luglio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su