Vivaio Il Roseto

Le città poetiche ed evocative di Claudio Cionini in mostra a Certaldo

Inaugurata la mostra che sarà ospitata a Palazzo Pretorio fino al 15 gennaio 2023. Cucini: ''Ancora più forte il legame con l'arte toscana''

 CERTALDO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Si chiama “Immaginare la realtà. Prospettive, luci, atmosfere” la mostra di Claudio Cionini inaugurata sabato 1 ottobre 2022, che sarà ospitata fino al 15 gennaio 2023 a Palazzo Pretorio a Certaldo.

Le opere raffigurano spazi in cui non compaiono presenze umane, ma all’interno delle quali è impossibile non leggere significati simbolici ed emotivi, uno sguardo carico di poesia che trova nelle strade, nei grattacieli e nelle luci notturne il proprio canto. Le immagini metafisiche, quasi in assenza di peso, di New York, Londra, Madrid, Melbourne, diventano una sorta di viaggio interiore nei luoghi dell’anima.

L’iniziativa nasce con l’obiettivo di offrire un punto di vista nuovo e moderno rispetto all'edificio simbolo del borgo medievale, scommettendo sull’arte contemporanea e sul fascino indiscusso delle sale del palazzo a fare da cornice.

“La mostra di Cionini - spiega il sindaco Giacomo Cucini - chiude il cartellone “CertaldoArte22” a Palazzo Pretorio, dopo le esposizioni di Luigi Montanarini e Giampaolo Talani. Termina quindi un ciclo che mette insieme la storia, la bellezza dei nostri territori e la contemporaneità e che ha reso ancora più forte il nostro legame con l’arte toscana”.

“I visitatori potranno apprezzare il tono leggero con il quale raffigura grandi metropoli nelle sue opere, che acquistano ancora più forza e suggestione considerato che si trovano esposte in un borgo medievale come Certaldo Alto - aggiunge l’assessore alla Cultura Clara Conforti - dalla guida delle auto che percorrano le Avenue nella “Grande Mela” ai Boulevard parigini, dietro le facciate dei palazzi di uffici e le vetrine dei bistrot, nelle viscere delle città dove scorre il metrò, è possibile concentrarsi sui dettagli della città e così a cogliere, di ciascuna, la personalità e l’energia che custodisce”.

L’artista. Claudio Cionini nasce a Grosseto nel 1978. Frequenta il Liceo Artistico di Grosseto e l’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove inizia, nel 2000, l’attività espositiva. Significativi per la sua formazione gli insegnamenti del Prof. Daniele Govi e del Prof. Adriano Bimbi. Dopo gli studi la sua attenzione si rivolge subito al paesaggio industriale, realtà che lo circonda nella città dove da sempre risiede, Piombino.

La mostra. Il tema dell’esposizione è quello delle grandi città. Cionini, che dipinge ad acrilico utilizzando una spatola e quasi graffiando la tela, le presenta come un libro con le pagine sollevate, e aperte, su di un racconto che appare infinito. E forse proprio per questa ragione, perché il racconto non finisce, le sue città non possiedono un orizzonte definito, ma la ‘narrazione’ converge verso un punto indefinito, visto da posizione elevata, verso cui convergono le linee ideali della composizione.

L’esposizione, patrocinata dalla presidenza del Consiglio regionale della Toscana, è a cura di Lorenzo Nannelli, promossa dal Comune di Certaldo, con il coordinamento e il progetto di allestimento di Exponent in collaborazione con la Galleria D’Arte Nozzoli.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare la biglietteria di Palazzo Pretorio chiamando il numero 0571 661219.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Caro-vita e caro-bollette, oggi presidi della Fiom Cgil a Certaldo

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 3 ottobre 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su