Bisniflex Poggibonsi showroom

Le loro foto al Fuori Expo di Milano. Chi sono i vincitori del concorso fotografico Be Tuscan For A Day

Si chiama Be Tuscan For A Day - Un giorno in più il progetto realizzato con lo scopo di valorizzare le eccellenze del territorio tra la Via Francigena e la Via del Sale e spingere i visitatori a soggiornare in Toscana un giorno in più. Dal 1 al 6 settembre, infatti, il Fuori Expo di Milano ospiterà i comuni di Monteriggioni, Colle di Val d'Elsa, Radicondoli, Poggibonsi, San Gimignano e Volterra per raccontare la loro cultura enogastronomica e le loro tradizioni.

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Per l'occasione, Apea srl ha indetto un concorso fotografico dal nome "Un giorno in più", per l'appunto. Per parteciparvi i concorrenti hanno dovuto reinterpretare il tema, fornendo si viaggiatori un motivo di permanenza nel nostro territorio. Le quattro immagini vincitrici, insieme ad altre due, debitamente retroilluminate, saranno la cornice perfetta per la parte espositiva milanese. «Le foto realizzate da Tiziano Pieroni, Mario Maccantelli, Andrea Caporaletti e Vittorio Cucini sono state premiate per la loro originalità ed autenticità», si legge sul sito di Apea, che ha organizzato e coordinato le iniziative in programma.

Colle di Val d'Elsa

Mario Maccantelli - Ha scelto di rappresentare la Chiesina di Fabbricciano, uno dei luoghi tipici colligiani, nelle immediate vicinanze di Colle Alta. «Mi è venuta in mente - spiega - perché il tema del concorso era dare ai visitatori un motivo in più per restare nel nostro territorio. Ho pensato subito a due amici con la Lambretta vintage di fronte a un bivio perché c'è sempre una strada in più da percorrere e un altro luogo da vedere». Mario si dedica alla fotografia fin dalla tenera età, quando si faceva consigliare dal fratello maggiore (anche lui un appassionato) e aveva una camera oscura.

Radicondoli

Tiziano Pieroni - «L'idea di origine era trovare il modo di far capire la bellezza della nostra zona attraverso la fotografia, cosa che non era affatto semplice» spiega Tiziano Pieroni, che ha immortalato Radicondoli nei primi attimi del mattino, da Mensano. «La foto che ho scattato - continua - è venuta perché amo la natura e mi alzo spesso molto presto. Faccio fotografia da due anni, ma solo da sei mesi in maniera un po' più consapevole». Per adesso è una passione, che però gli sta regalando molte soddisfazioni come le mostre (una sua personale sarà esposta dal 4 settembre alla Sagra del Fungo di Pievescola).

San Gimignano

Andrea Caporaletti - La foto è stata scattata a S.Gimignano, appena fuori il paese, lungo la strada comunale di S.Lucia, per trasmettere il piacere della nostra terra. «Di S.Gimignano - dice Andrea - conosciamo tutti le strade, le torri e le piazze, ma la campagna, forte di una buona tradizione enogastronomica, secondo me vale veramente il giorno in più. Quindi, la vigna con la campagna circostante ai piedi di S.Gimignano, era perfetta. Lo scatto in controluce offre in più i colori caldi e rassicuranti, che trasmettono serenità e relax. La fotografia è una passione che coltivo da molto tempo e che spero nel futuro possa darmi sempre nuove soddisfazioni. Ho iniziato con la pellicola, poi, per motivi di forza maggiore, non ho potuto continuare. Da qualche anno invece ho la possibilità di dedicarmici nuovamente e il passaggio al digitale, apparentemente facile nell'immediato, mi permette di scattare ed elaborare le immagini per raggiungere il risultato ricercato. C'è comunque da dire che tutto ciò richiede nuove conoscenze che continuamente vanno approfondite».

Volterra

Vittorio Cucini - Ha scattato la sua foto alla Valle delle Balze quasi per caso, mentre stava facendo un sopralluogo per lavoro. «Mi porto sempre la macchina dietro - dice - perché non si sa mai cosa si può trovare, ci vuole anche parecchia fortuna. Ho scelto questo luogo perché secondo me è proprio girando un po' più per il territorio che si possono vedere cose meno classiche, meno turistiche, che si ha il piacere di scoprire il valore aggiunto di un posto. A volte basta avventurarsi per una stradina». Sulla sinistra si vede anche Badia Camaldolese, suggestivo edificio in parte recuperato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra. Vittorio fa parte dal 2013 del Gruppo Fotografico Gian.

Questo fotografie sono state affiancate da altre due, selezionate da Apea, per i comuni di Poggibonsi e Monteriggioni.

Pubblicato il 2 settembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su