Le opere della pittrice colligiana Maria Chiara Viviani in mostra a Siena

Mercoledì 7 agosto l'inaugurazione al Café d'Autore. Ad introdurre l'artista ci sarà la professoressa e storica dell'arte Federica Casprini. A seguire aperitivo a tema.

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Mercoledì 7 agosto alle ore 19.00 sarà inaugurato a Siena il vernissage della pittrice colligiana Maria Chiara Viviani, in mostra fino alla fine del mese. L'appuntamento è al Café d'Autore in Piazza del Sale, nell'ambito dei #mercoledìdautore. Ad introdurre l'artista ci sarà la professoressa e storica dell'arte Federica Casprini. A seguire aperitivo a tema.

La piccola mostra raccoglie alcune delle opere più significative dell'artista valdelsana, realizzate con tecniche varie ma con un unico filo conduttore: gli animali.

«Ho sempre dipinto animali, fin da piccola (mia mamma tiene ancora i disegni) - ci racconta -. Sento che sono parte di me, mi piacciono, che noi uomini in molti casi vorremmo avere delle loro qualità. Come la forza, il senso di libertà, la lealtà e la dignità. Secondo me hanno più dignità di noi, vivono in una dimensione in cui si rispettano l'un l'altro. Le prime civiltà, penso per esempio agli Egizi, avevano come simbolo l'animale, perché richiama qualcosa che noi non abbiamo ma che ricerchiamo».

La mostra

All'interno della mostra è possibile ammirare l'autoritratto con falco, che si intitola Audacia e fiducia, e che risale al 2007/2008. Faceva parte di Animali dell'anima, mostra esposta nel 2009 a Palazzo dei Priori a Colle di Val d'Elsa con dipinti che mettevano in evidenza le simbologie tra gli animali e le persone.

C'è poi Occhio di falco, opera che ha esposto in molte occasioni. Una di queste è stata la manifestazione "I sapori dell'arte" all'interno del Convento di San Francesco, sempre a Colle, nel settembre del 2015, alla quale partecipò anche Vittorio Sgarbi. Il noto critico d'arte, rimasto colpito dal dipinto con l'occhio di cristallo retroilluminato, l'ha inserito all'interno del volume Italiani. Maestri d'arte contemporanea (EA Editore), che raccoglie le opere dei più grandi artisti del nostro tempo. Occhio di falco è anche l'opera che rappresenta di più l'autrice e che mette in gioco la prospettiva, la dimensione dello spazio, la sua formazione in scenotecnica all'Istituto d'Arte.

Ovviamente, visto che Siena è in fermento per il Palio dell'Assunta del 16 agosto, non potevano certo mancare i cavalli, che Maria Chiara dipinge spesso, da quando nel 2017 ha fatto il drappellone per il "Palio dei ciuchi" di Mensano. In mostra al Café d'Autore ci sono anche Figlio del vento e Luce e ombra, entrambe opere realizzate con una tecnica mista su tela preparata a intonaco e che ritraggono cavalli. Quest'ultima, in particolare, è quella che è stata scelta per la locandina. Sullo sfondo si può intravedere Colle Alta, riprendendo il filone a lei caro di ambientare molti suoi dipinti nella città del cristallo.

Infine, tra le opere in mostra, anche la foto di un murales realizzato pochi giorni fa nella sua casa al mare, che ci dice quanto dipingere sia per lei una necessità più che un mestiere. Quattro cavalli che si fondono col mare e che formano un'onda forte e impetuosa. «Mi sono svegliata una mattina e ho detto "Devo fare questa cosa" - racconta -. Ho approfittato di due ore in cui tutti dormivano, c'era il mare forza nove! Ho comprato due matite al supermercato, ho preso un pennarello di mia figlia Eva (gliel'ho finito) e una spugna. Quindi è una disegno fatto a lapis, pennarello e spugna».

L'artista

Maria Chiara Viviani è nata a Colle di Val d'Elsa nel 1976. Si è diplomata in arte applicata, nel corso ad indirizzo Sperimentale Sezione Scenotecnica, presso l'Istituto d'Arte di Porta Romana a Firenze, nel '95. Nel 2000 ha conseguito la Laurea in Decorazione all'Accademia di Belle Arti di Firenze, con una tesi specialistica sulle Tecniche pittoriche della bottega toscana del '300, ottenendo il voto di 110 e lode. Nel 2005-2006 ha partecipato al restauro pittorico della Cripta del Duomo di Siena e collaborato per il restauro del Santa Maria della Scala. Ha collaborato per l’Associazione culturale “RossoTiziano” tenendo corsi di disegno e pittura. Insegna educazione artistica alla scuola media di Colle di Val d'Elsa.

Alessandra Angioletti

Pubblicato il 5 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su