Le ragioni del no al referendum di ottobre. Stasera importante incontro a Poggibonsi

Interverranno Lidia Menapace (Direzione Nazionale Anpi) e Fabio Mugnaini (docente di Storia delle Tradizioni Popolari all'Università degli Studi di Siena). Introduce e modera l'incontro Silvia Folchi, presidente provinciale dell'Anpi di Siena. L'appuntamento è per oggi, venerdì 22 luglio, alle ore 22 presso la Festa di Liberazione di Poggibonsi, in località Montemorli

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il prossimo ottobre gli italiani saranno chiamati ad esprimersi circa la riforma costituzionale proposta dal governo Renzi. «Sostanzialmente - sspiegano i circoli di Rifondazione Comunista e dell'Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) di Poggibonsi - la riforma elimina il Senato della Repubblica come organismo eletto dal popolo, riducendolo a mero ente di secondo livello con funzioni di rappresentanza territoriale, composto da nominati delle regioni non eletti dai cittadini».

«Tale controriforma - continuano -, spacciata da Renzi come semplificativa della politica italiana e diretta a tagliarne i costi, oltre a non ottemperare a nessuno dei suddetti propositi va nella direzione dell'ulteriore restrizione degli spazi di democrazia in questo paese. Per questi motivi abbiamo proposto un approfondimento sulle ragioni del no al referendum di ottobre con due ospiti di eccezione».

Interverranno infatti Lidia Menapace (Direzione Nazionale Anpi) e Fabio Mugnaini (docente di Storia delle Tradizioni Popolari all'Università degli Studi di Siena). Introduce e modera l'incontro Silvia Folchi, presidente provinciale dell'Anpi di Siena. L'appuntamento è per oggi, venerdì 22 luglio, alle ore 22 presso la Festa di Liberazione di Poggibonsi, in località Montemorli.

Pubblicato il 22 luglio 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su