Vivaio Il Roseto

Let's Palio together, il Palio di Castelfiorentino scalda... i muscoli e le abilità

Sabato 25 e domenica 26 giugno la manifestazione. Nelle contrade ci si allena ai vari giochi in vista delle sfide che saranno disputate nel capoluogo e allo Stadio comunale

 CASTELFIORENTINO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nelle contrade si moltiplicano le cene per rafforzare e lo spirito di squadra e i legami tra i sostenitori. Nel contempo, si intensificano gli allenamenti e si scaldano i muscoli in vista delle sfide che al termine di tutti i giochi decreteranno la contrada vincitrice. E’ ormai iniziato il conto alla rovescia per il “Ca’ Stellare”, il Palio di Castelfiorentino, che si svolgerà il prossimo fine settimana, sabato 25 e domenica 26 giugno. Destrezza, forza e abilità saranno come in passato le virtù richieste per aggiudicarsi il “Cencio” del Palio, che la Contrada vincitrice espone con orgoglio al termine della manifestazione, un premio dal valore simbolico che travalica in realtà le caratteristiche e il contenuto dei “giochi” per proiettarsi in una dimensione più ampia, nelle dinamiche relazionali, nei sorrisi e negli abbracci tra le persone.

Un Palio che da sempre punta a coinvolgere tutti, senza limiti di età: per questo l’apertura della manifestazione, sabato 25 giugno, vedrà protagonisti i bambini, attraverso un Palio in formato “junior” dedicato interamente a loro. Le sfide tra i bambini delle varie contrade (che, lo ricordiamo, sono otto: “Membrino”, “Borgo”, “Puppino”, “Praticelli”, “Ferruzzino”, “Dogana”, “Cambiano”, “Santa Verdiana - Bastione”), si terranno sabato pomeriggio in Piazza Gramsci, con inizio alle ore 16.00. Quattro i giochi: “pesta che ti pesto” (due giocatori per squadra muniti di palloncino legato alle caviglie, con l’obiettivo di scoppiarli all’avversario all’interno di un’area delimitata), “mira e tira” (un bambino con un cesto sulla testa, l’altro tira le palline da una distanza di tre metri, vince chi ne tira di più dentro al cesto), “staffetta” e “ruzzola ballina”. A seguire, in serata, al Parco Roosevelt (ore 20.30), cena conviviale tra le varie contrade, dove saranno effettuati anche i sorteggi dei gironi e dei giochi che daranno diritto al “bonus”. Il menu, a 20 euro (10 euro bambini dai 6 ai 10 anni, gratuita sotto i sei anni) prevede antipasto, primo, secondo, dolce e bevande (info e prenotazioni 3314663757).

Domenica 26 giugno appuntamento allo Stadio Comunale alle ore 8.00 per i preparativi ai vari giochi, nei quali tecnica, forza e abilità faranno la parte del leone. Ad attendere le squadre saranno ovviamente i sostenitori delle varie contrade, che non mancheranno di incitare i loro beniamini affinché ognuno possa dare il meglio di sé. Alle 9.30 il fischio d’inizio dei giochi con la prima sfida: la “staffetta”; a seguire, alle ore 11.00, la prova di muscoli con il “tiro alla fune”; nel pomeriggio, alle 17.00, il Palio si sposterà nel capoluogo e i giochi riprenderanno in Piazza Kennedy con “Palla avvelenata” cui farà seguito (da piazza kennedy a piazza Gramsci, ore 18.30) “Ruzzola Balla”. Al termine, verso l’ora di cena (20.00) la proclamazione della contrada vincitrice.

E’ bello questo ritorno del Palio - sottolinea il Sindaco, Alessio Falorni - che conferma il suo format giocoso e divertente, competitivo e inclusivo di tutte fasce di età della nostra popolazione. Una manifestazione che ho visto nascere essendo stato il suo primo presidente, e che progressivamente ha messo radici via via sempre più profonde, vissuta da tutta la comunità come una grande festa popolare. Il mio ringraziamento va pertanto al comitato organizzatore, ai capi delle singole contrade e a tutte le persone che si sono impegnate per il buon esito di questa festa, che rimane soprattutto una bella opportunità per stare insieme”.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: A Poggibonsi la Notte Bianca più grande della Val d'Elsa

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 21 giugno 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su