Matematica e cibo. Piccoli camerieri crescono nelle scuole di Barberino e Tavarnelle

Scatta l’ora dell’educazione al cibo, come alimento e strumento educativo. Al fianco delle loro insegnanti, 45 studenti-camerieri si metteranno all’opera tra i tavoli della mensa scolastica per presentare e servire il pranzo a oltre 250 bambini. Lo faranno con attenzione, equilibrio, curiosità e rispetto per ciò che si porta a tavola e i bisogni del compagno. E’ il progetto che sta per decollare nelle scuole dell’Infanzia di Bustecca, Sambuca Val di Pesa e Vico d’Elsa in collaborazione con l’Unione comunale del Chianti Fiorentino e il gestore del servizio di refezione scolastica Cir Food.

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Scatta l’ora dell’educazione al cibo, come alimento e strumento educativo. Quanti tavoli apparecchiamo oggi e per quanti bambini? Forchette, coltelli, manca qualcosa in tavola? Aiutiamo a non sprecare il cibo e a mangiare insieme con gusto. Questione di giorni. I bambini-camerieri delle scuole di Barberino e Tavarnelle stanno per scendere in pista. Al fianco delle loro insegnanti, 45 studenti-camerieri si metteranno all’opera tra i tavoli della mensa scolastica per presentare e servire il pranzo a oltre 250 bambini. Lo faranno con attenzione, equilibrio, curiosità e rispetto per ciò che si porta a tavola e i bisogni del compagno. E’ il progetto che sta per decollare nelle scuole dell’Infanzia di Bustecca, Sambuca Val di Pesa e Vico d’Elsa in collaborazione con l’Unione comunale del Chianti Fiorentino e il gestore del servizio di refezione scolastica Cir Food.

Il rituale del pranzo, una delle occasioni di convivialità e condivisione più significative della giornata scolastica, diventa un percorso educativo e sociale di alto valore costruito insieme ai protagonisti dell’iniziativa: i camerieri in erba. «I bambini più grandi – spiegano le insegnanti dei tre plessi - scelti a turno ogni settimana predisporranno il pranzo occupandosi di tutte le fasi che interessano questo momento specifico e dunque l’apparecchiatura della tavola, lo sporzionamento e il rimettere a posto». Un’attività articolata che si pone molteplici obiettivi sia nei confronti di chi compie l’azione sia di chi la riceve.

«Grazie al lavoro e alla sensibilità delle insegnanti – commenta l’assessore alla Pubblica Istruzione dell’Unione comunale Marina Baretta – il progetto mira a promuovere l’autonomia dei bambini e a rendere il momento del pranzo un’occasione di benessere in grado di favorire la conversazione e le relazioni sociali, stimolare la curiosità verso l’assaggio, contribuire ad accrescere consapevolezza negli studenti sul valore del cibo e di come si mangia, evitando sprechi e misurando i propri bisogni e quelli dei compagni». Oltre a promuovere un rapporto sano con il cibo e creare abitudini positive a tavola, i bambini sono chiamati a sperimentarsi sul piano logico-matematico. Informarsi sulle presenze, calcolare piatti e bicchieri, disporre le tovaglie.

«Per i bambini più grandi – concludono le insegnanti - sarà anche un utile esercizio giornaliero che li aiuterà ad acquisire ed incrementare abilità logico-matematiche connesse al gioco e al riconoscimento dei tavoli associati a simboli diversi». La Cir Food fornirà strumenti e attrezzi da cucina adatti ai bambini per la realizzazione del progetto.

Pubblicato il 27 ottobre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su