Maxi sequestro di oltre 10.500 cartine e filtri di sigarette

Sanzioni amministrative da 5.000 a 10.000 euro

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nell’ambito di una serie di servizi d’iniziativa, mirati a verificare l’esatta applicazione della normativa riguardante la vendita di accessori per tabacchi da fumo, le Fiamme Gialle senesi hanno posto sotto sequestro amministrativo oltre 10.500 filtri e cartine per sigarette, posti in vendita in assenza delle necessarie autorizzazioni presso due esercizi commerciali, ubicati entrambi nel capoluogo cittadino e gestiti da soggetti di nazionalità cinese.

Gli interventi eseguiti presso le due attività commerciali sono scaturiti alla luce delle modifiche apportate dall’ultima Legge di Bilancio che, introducendo un’imposta di consumo sui prodotti accessori ai tabacchi da fumo, consente la loro commercializzazione esclusivamente alle rivendite autorizzate in possesso di specifica licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Secondo la recente normativa, quindi, i gestori dei suddetti esercizi commerciali avrebbero potuto smaltire le loro scorte di cartine e filtri entro lo scorso 31 gennaio, mentre in realtà hanno continuato a porle in vendita “sottobanco” in completa evasione d’imposta.

I militari hanno contestato ai titolari la vendita non autorizzata di generi di monopoli che prevede, per ciascun trasgressore, il sequestro della merce, l’applicazione della sanzione amministrativa che va da 5 a 10mila euro nonché la sanzione accessoria di chiusura dell’attività, ovvero la sospensione della licenza o dell’autorizzazione dell’esercizio per un periodo non inferiore a cinque giorni e non superiore ad un mese.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: 658 nuovi casi, età media 52 anni. 32 decessi

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 2 dicembre 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su