Montepulciano, opere pubbliche nelle frazioni, si pensa anche all'illuminazione

Fonte al Giunco ha ora la sua rete idrica completa, con acquedotto e fognature: lavori per 300.000 Euro, sostenuti dal Comune di Montepulciano e da Nuove Acque

 MONTEPULCIANO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Cinquanta famiglie, centocinquanta abitanti costituiscono l'aggregato rurale di Fonte al Giunco, appartenente alla frazione di Abbadia di Montepulciano. Questo piccolo nucleo è ora finalmente servito da una rete idrica e fognaria completa e moderna, comprendente sia un nuovo acquedotto sia l'impianto delle fognature.
I lavori, appena terminati, sono stati realizzati su progetto redatto dai tecnici di Nuove Acque in collaborazione con il Comune di Montepulciano, ed eseguiti dall'impresa Ragazzini Costruzioni di Ponte a Poppi (AR), per un importo complessivo di circa 300.000 Euro, finanziato dal Comune di Montepulciano, per 192.500 Euro, e da Nuove Acque; inoltre gli utenti privati hanno contribuito per la realizzazione dei singoli allacciamenti
I lavori sono consistiti nella realizzazione di circa 1.700 metri di acquedotto; di circa 1.200 metri di fognatura nera a gravità; di circa 1.400 metri di fognatura nera in spinta e di due stazioni di sollevamento fognario.
Su iniziativa del Comune, e con un ulteriore spesa di circa 12.000 Euro, sono stati utilizzati gli scavi per predisporre le canalizzazioni destinate ad ospitare i cavi di un impianto di pubblica illuminazione.
"Siamo veramente soddisfatti di aver portato a termine un intervento programmato ed avviato dalla precedente Amministrazione, che attribuisce pari dignità a numerose famiglie del nostro Comune" commenta il Sindaco Michele Angiolini. "Anche in questo caso la collaborazione con Nuove Acque ha dato buoni frutti mettendo a sistema il know-how tecnico di cui è portatrice l'azienda e le esigenze della comunità, rappresentate dall'Ente".
"E' stato fondamentale poter sfruttare i lavori per la realizzazione di questo impianto - sottolinea il vice-Sindaco Alice Raspanti, che ha anche la delega ai lavori pubblici - per posare le canalizzazioni che ci consentiranno in futuro di creare molto più agevolmente anche la rete di illuminazione pubblica. E' questo un obiettivo che ci poniamo per tutti i centri abitati del Comune, al fine di garantire sicurezza agli abitanti".
"Con la realizzazione di questo importante intervento, confermiamo l'impegno a garantire l'implementazione delle infrastrutture idriche anche per i piccoli agglomerati urbani" - ha aggiunto il presidente di Nuove Acque, Paolo Nannini. "Da oggi anche gli abitanti della piccola frazione di Fonte al Giunco potranno beneficiare di una risorsa idrica di qualità, captata non più dalle fonti sparse ma dal prezioso bacino di Montedoglio. Grazie al collegamento con l'impianto di potabilizzazione La Macchia, l'acqua nelle case sarà trattata secondo i più innovativi sistemi e garantita 365 giorni all'anno. A questo - conclude Nannini - si aggiunge lo sviluppo del sistema di depurazione che non si baserà più sui singoli scarichi privati ma su un importante collegamento con il depuratore consortile di Corbaia, in grado di trattare i reflui urbani e restituirli in natura nel rispetto dell'ecosistema locale".

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: 12 nuovi casi, 6 decessi, 68 guarigioni

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 29 maggio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su