Monteriggioni, torna alla comunità di Badesse l'antica cappella delle ''Trafisse''. Inaugurazione domenica 9 agosto

Giunge al termine il percorso che ha visto camminare a braccetto il Comune di Monteriggioni e la Parrocchia di Badesse e Lornano. Da anni giaceva abbandonata e semi-distrutta una cappella, caratteristica costruzione del ‘700 e monumento storico della devozione della comunità rurale di Badesse, intitolata a San Rocco

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Giunge al termine il percorso che ha visto camminare a braccetto il Comune di Monteriggioni e la Parrocchia di Badesse e Lornano. Da anni giaceva abbandonata e semi-distrutta una cappella, caratteristica costruzione del ‘700 e monumento storico della devozione della comunità rurale di Badesse, intitolata a San Rocco, taumaturgo invocato come protettore contro la peste perché, dopo aver distribuito ai poveri il patrimonio paterno, si mise al servizio degli appestati. La struttura restaurata sarà inaugurata domenica prossima, 9 agosto alle 18,30.

"Quando ricevemmo le prime sollecitazioni - confessa il sindaco Valentini - volte a recuperare la cappella delle Trafisse, il rischio era che dopo l'interesse iniziale non si riuscisse ad adoperarsi efficacemente perché il percorso era molto difficoltoso, per la pluralità degli eredi, la complessità del progetto ed i costi da affrontare. Invece si è attivato un circuito virtuoso di cui tutti possono essere orgogliosi. Chi ha ceduto gratuitamente la chiesetta, chi ha seguito l'iter procedurale (gli eredi erano sparsi in tutta Italia) , chi ci ha messo le risorse, chi ha seguito il restauro, chi ne fruirà".

Alcuni senesi appassionati d'arte segnalarono infatti all'Amministrazione Comunale questa emergenza e, grazie anche alla spinta di centinaia di firme di cittadini, il sindaco Bruno Valentini ed il vice-sindaco dell'epoca Vincenzo Ercolino riuscirono con grande fatica a mettere insieme e convincere i molti eredi a cedere la cappella alla Parrocchia. Sotto la guida energica di don Vittorio Giglio, la comunità parrocchiale è riuscita a reperire le risorse necessarie per la ristrutturazione, in gran parte messe a disposizione dal Comune (9mila euro per le spese legali e 40mila per i lavori) e dalla Banca di Monteriggioni (9mila euro). Don Giglio ha espresso un vivo ringraziamento alle famiglie proprietarie che l'hanno ceduta gratuitamente, al Comune per l'aiuto costante fornito ed alla Banca di Monteriggioni per il contributo economico.

"La nostra terra non è fatta solo di grandi monumenti ma anche di un diffuso patrimonio artistico minore che qualifica il paesaggio e lo caratterizza forse anche di più - conclude il sindaco - Voglio citare anche un articolo pubblicato sulla Rivista dei Rozzi, a cura Patrizia Turrini, Eugenio Bernabei, Luciana Franchino e Ileana Pigni, che hanno fornito preziose ed interessanti informazioni sulle origini storiche della cappella e che verrà riproposto sul nostro Sito Internet".

Oltre al recupero del manufatto artistico, la cappella servirà per specifiche celebrazioni e sarà visitabile grazie alla collaborazione di una famiglia del posto. La cerimonia di inaugurazione è stata programmata per domenica 9 agosto alle ore 18.30. Intanto procedono i lavori di costruzione della nuova chiesa di Badesse e del complesso parrocchiale annesso, che dovrebbero essere completati entro l'estate del prossimo anno. Anche la canonica di Lornano è in corso di ristrutturazione e pertanto il 2010 sarà finalmente l'anno nel quale la comunità di Badesse e Lornano disporrà di adeguate strutture per le attività religiose e sociali.

Pubblicato il 7 agosto 2009

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su