Mps, deliberato l'aumento di capitale: massimo 2 miliardi di euro, incrementabili di 471 milioni di euro

Come anticipato ieri il Consiglio di Amministrazione della Banca Monte dei Paschi di Siena SpA ha deliberato, oltre ad approvare il Piano d'Impresa 2011- 2015, la proposta di aumentare il capitale da offrire in opzione agli azionisti per massimi 2 miliardi di euro, incrementabili per ulteriori massimi 471 milioni di euro

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Come anticipato ieri il Consiglio di Amministrazione della Banca Monte dei Paschi di Siena SpA ha deliberato, oltre ad approvare il Piano d'Impresa 2011- 2015, la proposta di aumentare il capitale da offrire in opzione agli azionisti per massimi 2 miliardi di euro, incrementabili per ulteriori massimi 471 milioni di euro, "in funzione del valore nominale dei titoli Fresh 2003 che saranno acquistati dalla Banca nell'ambito dell'operazione di riacquisto".

Aumento di Capitale in opzione agli azionisti - La proposta di aumento di capitale deliberata sarà sottoposta all'approvazione dell'Assemblea Straordinaria degli azionisti, la quale sarà chiamata a deliberare l'attribuzione al Consiglio di Amministrazione della facoltà di aumentare il capitale sociale a pagamento e in via scindibile per un importo massimo di 2 miliardi di euro. La delega conferirà alla Banca la necessaria rapidità e flessibilità di esecuzione nel reperire nuovo capitale, permettendo di cogliere le più favorevoli condizioni in un mercato caratterizzato da incertezza e volatilità. L'operazione sarà eseguita attraverso l'emissione di sole azioni ordinarie, aventi il medesimo godimento delle azioni in circolazione alla data di emissione, da offrire in opzione agli azionisti ordinari, privilegiati e di risparmio.

L'aumento di capitale permetterà di:
- creare le condizioni per il futuro rimborso, previa autorizzazione della Banca d'Italia, degli strumenti finanziari di cui all'art. 12 del Decreto Legge n.185/08, sottoscritti nel dicembre 2009 dal Ministero dell'Economia e delle Finanze (i c.d. Tremonti Bond), per un importo pari a 1,9 miliardi di Euro;
- anticipare l'allineamento ai più stringenti requisiti patrimoniali richiesti da Basilea III e rafforzare la dotazione patrimoniale al servizio del nuovo piano industriale, consentendo al Gruppo di cogliere le opportunità derivanti dalla futura crescita economica.

Il riacquisto consentirà, in ottica Basilea III, un rafforzamento della qualità e della quantità del capitale della Banca, grazie alla sostituzione di tali strumenti con le azioni ordinarie di nuova emissione rivenienti dal contestuale aumento di capitale e alla potenziale plusvalenza, che genererà a sua volta un incremento del Core Tier I di circa 16 - 18 bps (in caso di integrale riacquisto dei Fresh 2003).

La Banca acquisterà i titoli da Mediobanca - Banca di Credito Finanziario S.p.A., la quale, in nome e per conto proprio, li reperirà sul mercato con modalità tali da assicurare la parità di trattamento degli investitori e, quindi, eventualmente anche mediante la promozione di un'offerta pubblica di acquisto e/o scambio indirizzata alla generalità dei portatori dei titoli, vendendo successivamente alla Banca i titoli conferiti in adesione a tale offerta secondo il prezzo predeterminato.

Mediobanca determinerà i tempi, i modi e le condizioni dell'offerta, che sarà comunque promossa prima dell'esecuzione dell'aumento di capitale, in modo tale da poter definire l'ammontare finale di quest'ultimo anche in funzione del valore nominale dei titoli Fresh 2003 che la Banca acquisterà da Mediobanca in esito all'offerta.

Pubblicato il 12 aprile 2011

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su