Multato 65enne a Poggibonsi per trasporto abusivo internazionale

L'uomo, alla guida del proprio furgone con targa ucraina, andava effettuando un trasporto internazionale di cose per conto terzi da un Paese extracomunitario in Italia, servizio privo di “autorizzazione bilaterale” o “Cemt” che lo legittimasse a compiere detta attività. Nello specifico, veniva riscontrata, all'interno del mezzo, la presenza di nr. 31 pacchi diretti in Italia dall'Ucraina, materiale e oggettistica varia non meglio definita. Tale genere di trasporti sfugge ai controlli doganali e ad ogni altro tipo di verifica

Poggibonsi
  • Condividi questo articolo:
  • j

Ieri a Poggibonsi i Carabinieri, al termine di una specifica attività volta al contrasto del servizio transnazionale abusivo di corriere, hanno sanzionato amministrativamente per trasposto abusivo, clandestino, internazionale di merci un 65enne ucraino, coniugato, autista per conto proprio, un “padroncino”, come si suol dire.

Questi, alla guida del proprio furgone con targa ucraina, andava effettuando un trasporto internazionale di cose per conto terzi da un Paese extracomunitario in Italia, servizio privo di “autorizzazione bilaterale” o “Cemt” che lo legittimasse a compiere detta attività. Nello specifico, veniva riscontrata, all’interno del mezzo, la presenza di nr. 31 pacchi diretti in Italia dall’Ucraina, materiale e oggettistica varia non meglio definita. Tale genere di trasporti sfugge ai controlli doganali e ad ogni altro tipo di verifica.

A seguito di quanto accertato, è stata comminata una sanzione amministrativa pecuniaria di 4.130,00 euro e imposto il fermo del veicolo per tre mesi.

L’autorità amministrativa è stata informata dal citato reparto.

Pubblicato il 24 luglio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su