Musei di Certaldo: nel 2021 ingressi raddoppiati rispetto al 2020

In tutto sono stati staccati 2.966 biglietti. Oltre mille i visitatori che hanno scelto Certaldo durante il ponte di Ognissanti

 CERTALDO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Ingressi pressoché raddoppiati rispetto all'anno precedente. E' stato un ottobre vivace quello da poco concluso, per il sistema museale certaldese: la biglietteria di Palazzo Pretorio ha emesso complessivamente 2966 biglietti per accedere alle strutture comunali, ovvero Palazzo Pretorio e Casa Boccaccio, e al Museo di Arte Sacra.

Dati importanti, dopo un'estate di ripartenza durante la quale l'amministrazione comunale di Certaldo ha scommesso su prestigiosi progetti come le mostre pittoriche dedicate a Gualtiero Nativi e a Vincio Berti, illustri esponenti dell'astrattismo fiorentino, ospitate nelle sale al primo piano di Palazzo Pretorio. Proprio nel palazzo simbolo del borgo medievale, in particolare nelle Prigioni delle donne, è ancora visitabile la mostra "Bestie", dedicata a Dante e alla Divina Commedia, con le opere dell'artista Carlo Romiti, mentre Casa Boccaccio, fra l'altro, è sede del percorso espositivo "Mnemodecameron", che accende i riflettori sulle illustrazioni originali del libro "Mnemodecameron. Prontuario per le cento novelle".

Importanti anche i risultati ottenuti in occasione del ponte del primo novembre: 1015 i tagliandi staccati dalla biglietteria di Palazzo Pretorio a partire da sabato 30 ottobre fino a lunedì 1 novembre 2021.

"Non è mai scontato intercettare flussi di visitatori, men che mai dopo l'emergenza Covid che ha spinto molti a rivedere le proprie abitudini - riflette il sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini - l'emergenza sanitaria che abbiamo attraversato e che ancora stiamo vivendo ci ha costretti a familiarizzare con nuove modalità di fruizione della cultura, penso al web o ai canali social. Eppure i dati registrati in queste settimane ci dimostrano come vivere i luoghi della storia, dell'arte, del sapere, in presenza, è un'esperienza irrinunciabile. Ovviamente nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. Speriamo che questo sia un primo segnale rispetto all’azione che, anche con il piano di promozione, stiamo tentando di fare, ovvero 'allungare' le stagioni e spalmare i flussi turistici su tutto l’anno".

"Si tratta di numeri significativi, che ribadiscono il fascino intramontabile della cultura, dell'arte e dei luoghi che raccontano storia e grandi personaggi, come il nostro Giovanni Boccaccio - sottolinea l'assessore comunale alla Cultura, Clara Conforti - non possiamo che essere soddisfatti per l'interesse dimostrato per il nostro territorio e per la proposta culturale che abbiamo offerto in questo inizio d'autunno, dopo un'estate di ripartenza e guardando a nuovi progetti da accogliere per accendere di nuovi i riflettori sui nostri luoghi simbolo, fra i quali spicca Palazzo Pretorio".

Tutti gli interessati, fino al 31 marzo 2022, potranno visitare Palazzo Pretorio e Casa Boccaccio il lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 16.30, il sabato e la domenica invece dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30. Il giorno di chiusura delle strutture museali è il martedì. Per ulteriori informazioni, è possibile chiamare il numero 0571 661219.

Potrebbe interessarti anche: 25enne chiedeva elemosina in centro, allontanato da Empoli per tre anni

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 14 novembre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su