Nasce il Valdelsa Rugby: una realtà che mira ad espandersi in tutto il territorio

La nuova dirigenza è guidata da Carlo Di Benedetto; come vice Matteo Cirone. Il Direttore Tecnico è Luca Martin, ex giocatore della nazionale, che formerà i tecnici e supporterà la società con il suo bagaglio di sperienza. Main sponsor: METAF srl - Paolino Camper - ESTRA energia - Volentieri Pellenc - Piccini Wines - CTS Design. Sponsor tecnico: Macron Spa

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Rispetto, gioco di squadra, solidarietà, uguaglianza e amicizia. Sono questi gli elementi che nel 2012 hanno fatto nascere l'idea di una società di rugby nella Val d'Elsa senese. Da qui, nel 2015, è venuta poi la Colligiana Rugby, un progetto pronto adesso a crescere e ad evolversi ancora. Prendendo in eredità il lavoro svolto negli ultimi anni, infatti, ecco che viene fondato il Valdelsa Rugby, con l'obiettivo di non limitarsi alla sola zona di Colle di Val d'Elsa ma di espandersi su tutto il territorio valdelsano.

Nuovo logo, nuovo nome e nuove opportunità. Lo annuncia la società stessa sui suoi canali social. «Lo scorpione - si legge in un post su Facebook -, che ci ha accompagnati per i primi anni di vita, è stato rivisitato in chiave moderna: un logo nuovo ma sempre memore del passato. Il fiume Elsa, che accomuna tutte le nostre zone, si è insinuato all'interno dello scorpione dando risalto al tutto con il suo colore blu. L’ovale, che forma il corpo dello scorpione, non rappresenta solo il Rugby ma è anche simbolo di unione per tutti all'interno di questo sport». 

La nuova dirigenza è guidata da Carlo Di Benedetto; come vice Matteo Cirone. Il Direttore Tecnico è Luca Martin, ex giocatore della nazionale, che formerà i tecnici e supporterà la società con il suo bagaglio di sperienza. Main sponsor: METAF srl - Paolino Camper - ESTRA energia - Volentieri Pellenc - Piccini Wines - CTS Design. Sponsor tecnico: Macron Spa. 

La meta. L'intento è quello di concretizzare la passione per il rugby e di farla conoscere e vivere in un territorio in cui ancora questo sport non è così diffuso, dando la possibilità a tutti, maschi e femmine, di conoscerlo.

 

Pubblicato il 6 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su