Nascono Nanaproject e Spazio Dodo, associazione culturale e spazio polivalente

L'intento è quello di mettere in rete le competenze professionali acquisite negli anni, con il desiderio di creare nuove sfide in ambito culturale e creativo e dare vita ad un'associazione che operi attraverso l'utilizzo, la progettazione e la sperimentazione di molteplici forme di espressione e la condivisione di competenze e punti di vista differenti

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Sono una grafica, un'organizzatrice teatrale, una fotografa, una semiologa, una web designer, una video maker e un'insegnante le fondatrici della nuova associazione culturale Nanaproject, nata  da un'idea di Elena Tedde Piras, che nel 2009 crea il progetto da cui l'associazione prende il nome. L'intento è quello di mettere in rete le competenze professionali acquisite negli anni, con il desiderio di creare nuove sfide in ambito culturale e creativo e dare vita ad un'associazione che operi attraverso l'utilizzo, la progettazione e la sperimentazione di molteplici forme di espressione e la condivisione di competenze e punti di vista differenti.

Dalla necessità di uno spazio comune di lavoro Nanaproject dà vita a DODO - Spazio d'Opera e d'Opinione: una sede polivalente nel cuore di Colle, con studi grafici, sala teatrale, aule per corsi e seminari, sala di posa, spazi per mostre ed eventi culturali. La “casa” di Nanaproject aprirà le porte Domenica 27 settembre alle ore 19:00 con un aperitivo offerto in collaborazione con la BIOsteria Sbarbacipolla, a seguire Dj Set a cura del musicista Carlo Simula che presenterà DISCO SEGRETA una selezione rigorosamente su vinile di eurodisco underground degli anni ‘70; infine le fotografe Costanza Maremmi e Daniela Neri monteranno in tempo reale WALL PORTRAIT, una photobooth che raccoglierà i ritratti di amici e soci che vorranno lasciare una traccia fotografica del loro passaggio.

"Dodo" è il soprannome con cui amici e parenti chiamavano Claudio Corini, l'ingegnere imprenditore parmense, eccellente interprete del sogno italiano della ricostruzione nel secondo dopoguerra, che grazie alla sua generosità ha permesso con la sua eredità di far nascere questo spazio.

“Abbiamo deciso di chiamarlo "DODO - Spazio d’Opera e d’Opinione" perché ci piace pensarlo come un luogo vivo e attivo, che sia di stimolo alla contaminazione creativa, un luogo aperto al pubblico e ad artisti diversi per genere e poetica, nel quale l'incontro rappresenti il motore e il senso stesso del progetto.” Così amano definire la loro “creatura” le fondatrici di Spazio DODO in attesa di illustrare, domenica 27, le attività che animeranno la prossima stagione.

Programma della serata:

- Apertivo d’apertura offerto da Nanaproject in collaborazione con BIOSTERIA SBARBACIPOLLA: piccoli assaggi nello stile gastronomico inconfondibile di Sbarbacipolla. 
In aggiunta una selezione di vini biologici.

- Dj Set a cura di Carlo Simula: il musicista presenta DISCO SEGRETA una selezione rigorosamente su vinile di eurodisco underground degli anni ‘70

- WALL PORTRAIT: photobooth a cura di Costanza Maremmi e Daniela Neri. Un montaggio in tempo reale di tutti i ritratti di amici e soci che vorranno lasciare una traccia fotografica del proprio passaggio.

Per info: info@nanaproject.eu
tel: 0577 041067; fb: Nanaproject Associazione Culturale

Pubblicato il 24 settembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su