Nidi e infanzia, formazione per 140 educatori e insegnanti di tutta l'Alta Valdelsa

Si svolgerà domani, sabato 27 gennaio, al Politeama un importante evento formativo che vedrà la partecipazione di 140 persone, fra educatori, insegnanti e personale ausiliario dei servizi 0-6 di tutta l'Alta Valdelsa. L'evento, realizzato con finanziamento regionale del Piano Educativo Zonale, è all'interno della progettazione formativa proposta dal coordinamento pedagogico zonale coordinato da Roberta Baldini e approvata dalla Conferenza Zonale per l'Istruzione

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

La giornata di domani ha come tema "La qualità come radice e orizzonte di sviluppo del progetto educativo nella prospettiva 0-6". Si rivolge agli insegnanti delle scuole dell'infanzia statali, comunali e private, agli educatori degli asili nido pubblici e privati e al personale ausiliario e vedrà in cattedra Aldo Fortunati, direttore area educativa, sociale e culturale dell'Istituto degli Innocenti.

Aldo Fortunati. Esperto di psicologia evolutiva e di educazione infantile, ha completato la sua formazione presso l'Istituto di Psicologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma e presso l'Institute of Education dell'Università di Londra. Interessato ai temi dello sviluppo sociale, comunicativo e linguistico dei bambini nei primi anni di vita e esperto nelle metodologie di osservazione, documentazione e valutazione del comportamento infantile in contesti quotidiani di vita e nel contesto educativo, ha condotto o diretto numerosi percorsi formativi e iniziative di ricerca in vari contesti locali in Toscana, in Italia e all'estero (Spagna, Danimarca, Inghilterra e Stati Uniti). Ha offerto la propria consulenza a supporto di numerosi progetti di servizi educativi sperimentali e innovativi per bambini piccoli e famiglie, coordinandone in molti casi la realizzazione e la verifica. Più recentemente, i suoi interessi si sono estesi al tema della qualità nei servizi educativi, con riferimento ai possibili approcci alla sua valutazione nonché alle strategie di regolazione e controllo del sistema territoriale integrato dei servizi. Ha coordinato, nella posizione istituzionale ricoperta, progetti di ricerca definiti da programmi del governo italiano e finalizzati allo sviluppo e al monitoraggio di specifiche politiche nazionali.

Pubblicato il 26 gennaio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su