"Niente tagli ai tigli", continua la battaglia dei colligiani per salvare i monumenti di Piazza Nova

Sono mesi ormai che la comunità colligiana ha intrapreso una vera e propria battaglia per salvare i tigli dal progetto di riqualificazione di Piazza Bartolomeo Scala (comunemente conosciuta come Piazza Nova) a Colle di Val d'Elsa. In un precedente articolo, "Su per Colle" dichiarava di aver richiesto una perizia per verificare lo stato di salute degli alberi e che ancora non era presente un progetto esecutivo (notizia ribadita sulla pagina Facebook del Comune anche pochi giorni fa)

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Sono mesi ormai che la comunità colligiana ha intrapreso una vera e propria battaglia per salvare i tigli dal progetto di riqualificazione di Piazza Bartolomeo Scala (comunemente conosciuta come Piazza Nova) a Colle di Val d'Elsa. In un precedente articolo, "Su per Colle" dichiarava di aver richiesto una perizia per verificare lo stato di salute degli alberi e che ancora non era presente un progetto esecutivo (notizia ribadita sulla pagina Facebook del Comune anche pochi giorni fa). Tuttavia, i cittadini si sono adoperati per chiedere maggiore chiarezza sulla faccenda e far sentire la propria voce. Hanno raccolto su Change.org 1.041 firme per portare al primo cittadino e a tutta la giunta la loro petizione. "A Colle Val d'Elsa c'era una volta una bellla piazza alberata, nel periodo di guerra fu bombardata, crollarono i palazzi ma gli alberi rimasero a fare da guardia", vi si legge.

Sabato 9 luglio, proprio in Piazza Bartolomeo Scala, dalle 19.00 in poi ci sarà un evento per sensibilizzare e coinvolgere i cittadini in un progetto di rifacimento che parta proprio dai tigli.

Pubblicato il 1 luglio 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su