Obbligo Green pass, possibili disservizi nel trasporto pubblico locale

Stamani la Regione ha convocato Prefetture, Città metropolitana, Province e aziende titolari gestione Tpl

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

In vista dell’entrata in vigore dell’obbligo dell’esibizione del green pass prevista per domani 15 ottobre, la Regione stamani ha organizzato un incontro con le Prefetture, la Città metropolitana, le Province e le ziende titolari della gestione del trasporto pubblico locale su gomma e ferro, One scarl, Trenitalia spa, TFT e Toremar. Sono in effetti emerse potenziali criticità a garantire il servizio legate all’entrata in vigore dell’obbligo e, in base alla ricognizione fatta stamani sentendo le varie aziende, è possibile che si possano creare disservizi che ad oggi non sono completamente prevedibili.

“Insieme alle Prefetture e agli Enti locali - spiega l’assessore ai trasporti Stefano Baccelli - abbiamo  raccomandato alle aziende di effettuare una programmazione atta a garantire il servizio prioritariamente nelle fasce di utilizzo da parte degli studenti e pendolari, segnalando la necessità di proseguire, nei prossimi giorni, il monitoraggio del possesso della certificazione verde, in modo che i dipendenti forniscano le informazioni richieste con il preavviso necessario al fine di soddisfare le predette esigenze organizzative”.

Potrebbe interessarti anche: Le buone pratiche, a casa e a scuola: gli studenti della Toscana fanno ''Ri-creazione''

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 14 ottobre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su