Occhio al parcometro! Controlli a tappeto nel comune di Castelfiorentino

«Affinché i parcometri possano assolvere la sua funzione – sottolinea l’Assessore alla Sicurezza, Simone Bruchi – è necessario garantire che l’automobilista lo usi per il tempo strettamente necessario. Il pagamento serve appunto a questo: ad assicurare una rotazione degli stalli nel corso della giornata, in modo da ampliare la platea di coloro che li possono utilizzare, agevolando così l’accesso ai servizi e agli esercizi commerciali che sono presenti nel nostro centro storico»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Vengono chiamati “ausiliari del traffico”, e rappresentano un vero incubo per alcune categorie di automobilisti, i cosidetti “furbetti” che parcheggiano negli stalli contrassegnati dalle strisce blu senza pagare il parcometro. Un’abitudine piuttosto diffusa, a quanto sembra, che ora l’Amministrazione Comunale di Castelfiorentino punta a contrastare intensificando i controlli, grazie al nuovo servizio che sarà svolto in via esclusiva da loro.

Nel concreto, si tratta di personale esterno - opportunamente formato e abilitato allo svolgimento di certe mansioni - che non è equiparabile in alcun modo a un agente di Polizia Municipale, in quanto si limita a una funzione di controllo circoscritta, che interessa - nella maggior parte dei casi - le aree di sosta. Di conseguenza, gli “ausiliari del traffico” non indossano l’uniforme che viene assegnata al corpo di P.M., sebbene siano dotati di tessera di riconoscimento e di uno specifico abbigliamento distintivo, in modo da essere comunque riconoscibili dall’utenza stradale.

In base al contratto di affidamento del servizio, stipulato con la società Siak Srl (durata fino al 31 dicembre 2019) a Castelfiorentino gli ausiliari del traffico dovranno unicamente verificare se l’utente ha assolto il dovere di pagare nei parcheggi a pagamento, sanzionando i trasgressori in base alle norme vigenti. Le sanzioni amministrative sono abbastanza salate: per il mancato pagamento del parcometro, infatti, la sanzione ammonta a 41 euro (28,70 euro se pagata entro 5 giorni).

«Affinché i parcometri possano assolvere la sua funzione – sottolinea l’Assessore alla Sicurezza, Simone Bruchi – è necessario garantire che l’automobilista lo usi per il tempo strettamente necessario. Il pagamento serve appunto a questo: ad assicurare una rotazione degli stalli nel corso della giornata, in modo da ampliare la platea di coloro che li possono utilizzare, agevolando così l’accesso ai servizi e agli esercizi commerciali che sono presenti nel nostro centro storico. Con questo nuovo servizio intensificheremo i controlli, liberando contemporaneamente il personale della Polizia Municipale da questo compito, affinché gli agenti di P.M. possano essere impiegati per attività più importanti, che riguardano la sicurezza dei cittadini».

Pubblicato il 13 luglio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su