Vivaio Il Roseto

Monteriggioni dedica una piazza a Gino Strada, domenica la cerimonia di intitolazione

L'inaugurazione si terrà con cerimonia pubblica domenica 5 dicembre alle ore 11.30 e parteciperà una delegazione di Emergency

 MONTERIGGIONI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Gino Strada, chirurgo e fondatore di EMERGENCY, è scomparso il 13 agosto 2021. Due settimane dopo la Giunta del Comune di Monteriggioni ha deliberato l’intitolazione di una piazza alla sua memoria, posta nel complesso monumentale di Abbadia a Isola, di fronte alla chiesa dei Santi Salvatore e Cirino.

L’inaugurazione si terrà domenica 5 dicembre alle ore 11.30 e parteciperà una delegazione di Emergency, costituita da Pietro Protasi (Direttore Coordinamento Volontari) Mario Spallino (attore e fondatore della Compagnia Teatrale di Emergency) e Stefano Dragoni (referente del Gruppo di Volontari Emergency Siena).

In serata, alle ore 17.00, sempre ad Abbadia a Isola, Sala Ildebrando, è previsto il racconto “Un viaggio per toccare un’idea”. Attraverso le foto e i video di Elena Nebiolo, la voce di Mario Spallino accompagnerà il pubblico a Karthoum, dove EMERGENCY ha aperto il Centro Salam di eccellenza in cardiochirurgia, l’unico ospedale di cardiochirurgia totalmente gratuito in un’area abitata da oltre 300 milioni di persone. Il viaggio proseguirà, poi, verso Mayo, dove vivono più di 300.000 profughi scappati dalla povertà e dalla guerra. Qui, nel Centro pediatrico di Mayo, EMERGENCY offre cure gratuite ai bambini fino ai 14 anni di età, un programma di assistenza prenatale e screening per la malnutrizione.

L’ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria telefonando allo 0577 304834 oppure scrivendo a info@monteriggioniturismo.it.

“Quella di Gino Strada - ricorda il Sindaco Andrea Frosini - è una figura che ha lasciato il segno della sua grande umanità soprattutto per quanto riguarda l'accoglienza, una tematica molto cara alla comunità di Monteriggioni. Strada ha insegnato che se qualcuno sta male, ha fame o è malato riguarda tutti, un modo di essere e vivere che l’Amministrazione vuole sottolineare con questa decisione”.

“Una grande personalità - aggiunge l’assessore alla Cultura Marco Valenti - che ha fatto della coerenza e del servizio per gli altri la sua ragione di vita, valori che simboleggiano e caratterizzano anche la comunità di Monteriggioni, da sempre aperta e sensibile all’aiuto nei confronti del prossimo”.

“Desideriamo ringraziare la comunità di Monteriggioni per l’intitolazione di questa piazza e la stima per il nostro fondatore - aggiunge Pietro Protasi direttore coordinamento volontari di EMERGENCY - queste occasioni sono un modo per tenere viva la memoria di Gino Strada che, nel suo lavoro con EMERGENCY per il diritto alla cura libero per tutti, ha lasciato un ricordo indelebile in tutti noi. È per questo che proseguiremo con impegno e determinazione nel portare avanti i suoi stessi valori con le attività di EMERGENCY per contribuire a creare un mondo più giusto”.

Gino Strada nasce a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, il 21 aprile 1948. Si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano e si specializza in Chirurgia d’Urgenza. Per completare la formazione da medico-chirurgo, negli anni ‘Ottanta vive per 4 anni negli Stati Uniti, dove si occupa di chirurgia dei trapianti di cuore e cuore-polmone presso le Università di Stanford e di Pittsburgh. Si sposta poi in Inghilterra e in Sud Africa, dove svolge periodi di formazione presso l’ospedale di Harefield e presso il Groote Schuur Hospital di Città del Capo.

Nel 1988 decide di applicare la sua esperienza in chirurgia di urgenza all’assistenza dei feriti di guerra. Negli anni successivi, fino al 1994, lavora con la Croce Rossa Internazionale di Ginevra in Pakistan, Etiopia, Tailandia, Afghanistan, Perù, Gibuti, Somalia, Bosnia.

Nel 1994, l’esperienza accumulata negli anni con la Croce Rossa lo spinge, insieme alla prima moglie Teresa Sarti e alcuni colleghi e amici, a fondare EMERGENCY, associazione indipendente e neutrale nata per portare cure medico-chirurgiche di elevata qualità e gratuite alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà.

Il primo progetto di EMERGENCY, che vede Gino Strada in prima linea, è in Ruanda durante il genocidio. Poi la Cambogia, Paese in cui resta per alcuni anni.

Nel 1998 parte per l’Afghanistan: raggiunge via terra il nord del Paese dove, l’anno dopo, EMERGENCY apre il primo progetto nel Paese, un Centro chirurgico per vittime di guerra ad Anabah, nella Valle del Panshir. Gino Strada rimane in Afghanistan per circa 7 anni, operando migliaia di vittime di guerra e di mine antiuomo e contribuendo all’apertura di altri progetti nel Paese. Oggi EMERGENCY è presente in Afghanistan con 3 ospedali, un Centro di maternità e una rete di 44 Posti di primo soccorso.

EMERGENCY è presente in Iraq, a Sulaimaniya, con un Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale dove i pazienti vengono sottoposti a trattamenti di fisioterapia e all’applicazione di protesi, oltre alla possibilità di frequentare corsi di formazione professionale per imparare un lavoro compatibile con l’handicap. Dal 2005 inizia a lavorare per l’apertura del Centro Salam di cardiochirurgia, in Sudan, il primo Centro di cardiochirurgia totalmente gratuito in Africa. Nel 2014 si reca in Sierra Leone, dove EMERGENCY è presente dal 2001, per l’emergenza Ebola.

EMERGENCY ha curato oltre 11 milioni di persone.

Potrebbe interessarti anche: Il Natale si accende nei borghi e nei centri storici di Barberino Tavarnelle - Barberino Tavarnelle

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 3 dicembre 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su