Poggibonsi, al via la seconda edizione del corso 'Fotoscuola' tra i banchi della Pieraccini

L'iniziativa, dopo il successo della prima edizione, nasce per portare l’arte fotografica nelle scuole ed educare i ragazzi a saper riconoscere una buona immagine, dando loro gli strumenti tecnico-pratici per realizzarle da soli. Quest’anno hanno aderito 9 classi per un totale di 200 ragazzi circa. Le lezioni, che si concluderanno a metà maggio, prevedono una serie di incontri nei quali verranno dati cenni di storia della fotografia, nozioni tecniche sul funzionamento della macchina fotografica e indicazioni su come comporre immagini corrette.

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Torna "Fotoscuola", il progetto del Fotoclub 3Asa rivolto alle classi quarte e quinte della scuola primaria G. Pieraccini di Poggibonsi. L'iniziativa, dopo il successo della prima edizione, nasce per portare l’arte fotografica nelle scuole ed educare i ragazzi a saper riconoscere una buona immagine, dando loro gli strumenti tecnico-pratici per realizzarle da soli. Quest’anno hanno aderito 9 classi per un totale di 200 ragazzi circa. Le lezioni, che si concluderanno a metà maggio, prevedono una serie di incontri nei quali verranno dati cenni di storia della fotografia, nozioni tecniche sul funzionamento della macchina fotografica e indicazioni su come comporre immagini corrette.

«Per l’anno scolastico 2018/2019 - ha detto il fotografo Maurizio Sorvillo, membro del Fotoclub 3Asa - sarà mia cura preparare un corso di approfondimento per gli alunni di 5^ che hanno già partecipato al corso Fotoscuola l’anno precedente. Il termine del percorso formativo sarà siglato da il concorso fotografico “Vita della Città Junior” organizzato in collaborazione con Solevents Organizzazione eventi di Sara Sollazzi. Le immagini scelte dai ragazzi per il concorso verranno esposte e le migliori premiate da una giuria tecnica. Daremo quindi agli studenti gli strumenti per scattare belle foto. I ragazzi scatteranno delle foto con la macchina usa e getta e sceglieranno poi quello che reputeranno il loro scatto migliore. Tutte queste fotografie verranno visionate da una giuria nell’ambito di un concorso fotografico verso la fine dell’anno scolastico». 

«I giurati - conclude - sceglieranno le migliori foto nelle diverse categorie, decretando i vincitori. In una società dove l’immagine rappresenta uno dei più importanti canali comunicativi, reputo che dare ai ragazzi gli strumenti per essere efficaci in questo linguaggio sia fondamentale. Per il suddetto motivo ho pensato al progetto. Mi aiuteranno nello sviluppo del programma i membri del Fotoclub 3ASA di cui faccio parte».

Pubblicato il 7 marzo 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su