Poggibonsi, arrestati due uomini: avevano incendiato l'auto di una ex collega

Le indagini investigative sono partite da un incendio verificatosi l'11 gennaio del 2018, quando è stato appiccato il fuoco su un'autovettura in località Borgatello, a Colle di Val d'Elsa. La proprietaria della macchina è una ex dipendente di una ditta operante nel settore dei rifiuti speciali di Poggibonsi, presso la quale lavora proprio uno dei due uomini

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nelle prime ore di lunedì 7 gennaio, i militari della stazione di Poggibonsi hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare (una in carcere, l'altra ai domiciliari), emesse dal GIP presso il Tribunale di Siena, verso due uomini, entrambi pregiudicati. I due sono considerati responsabili di atti persecutori e incendio aggravato in concorso. 

Le indagini investigative sono partite da un incendio verificatosi l'11 gennaio del 2018, quando è stato appiccato il fuoco su un'autovettura in località Borgatello, a Colle di Val d'Elsa. La proprietaria della macchina è una ex dipendente di una ditta operante nel settore dei rifiuti speciali di Poggibonsi, presso la quale lavora proprio uno dei due uomini. Gli accertamenti hanno permesso di attribuire loro la responsabilità del gesto, mettendo in luce anche condotte minatorie e persecutorie nei confronti di altri ex dipendenti che sono andati a lavorare per imprese concorrenti, operanti sull stesso territorio.

Inoltre, i Carabinieri rilevano la responsabilità del titolare della ditta in questione, indagato per gli stessi reati e ritenuto il presunto mandante di queste azioni criminose, finalizzate a prevalere sulle altre società dei rifiuti che svolgono la propria attività nelle province di Siena e Firenze.

Pubblicato il 9 gennaio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su