Poggibonsi e Colligiana, i play off si allontanano. Serve un cambio di direzione per le due valdelsane

Il sogno play off si fa sempre più difficile per Poggibonsi e Colligiana. L'obiettivo dovrebbe essere quello di arrivare tra le prime cinque e le due valdelsane di Serie D (Girone E) sono appaiate in sesta posizione a quota 33 punti, con il Gubbio quinto a quota 40 e il terzetto Montemurlo, Ghivizzano e Montecatini che segue la capolista Gavorrano (46) a quota 41

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il sogno play off si fa sempre più difficile per Poggibonsi e Colligiana. L'obiettivo dovrebbe essere quello di arrivare tra le prime cinque e le due valdelsane di Serie D (Girone E) sono appaiate in sesta posizione a quota 33 punti, con il Gubbio quinto a quota 40 e il terzetto Montemurlo, Ghivizzano e Montecatini che segue la capolista Gavorrano (46) a quota 41. 

A livello di punti il divario è ampio ma non impossibile da colmare, viste che mancano ancora dodici giornate alla fine del Campionato, ma è il momento non positivo di giallorossi e biancorossi a preoccupare. 

Il Poggibonsi viene da tre giornate "a punti" ma se vuole riuscire a riprendersi un posto playoff deve iniziare a vincere con continuità e il pareggio di domenica contro il Sansepolcro, terz'ultimo, non sembra andare in questa direzione. 

La Colligiana nelle ultime sette gare ha rimediato appena 3 punti, troppo pochi per ambire alla testa della classifica. I ragazzi d Carobbi hanno vissuto un girone di andata esaltante, sicuramente oltre le attese, mostrando un bel gioco. Adesso le prestazioni arrivano anche ma i gol mancano e tanto. Anche qui siamo a quota tre in sette gare. 

Il prossimo turno potrebbe essere uno di quelli decisivi, visto lo scontro diretto tra Gubbio e Montecatini e gli impegni relativamente facili di Gavorrano a Foligno, Montemurlo con lo Spoleto e il Ghivizzano con il Sansepolcro. Il Poggibonsi ospiterà il Gualdo (penultimo) e la Colligiana andrà a Città di Castello. Occorrono punti pesanti per ripartire. 

Pubblicato il 1 febbraio 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su