Poggibonsi, interventi in vista sulle alberature

Il progetto in questione ha già visto interventi sulle aree di via Galvani e via Pieraccini, largo Usilia (nella foto), via Ancona, via Mantova, sulla pista verde nei pressi di via Venezia e al giardino di via Milano. Complessivamente, sui due anni, gli interventi riguarderanno circa 1.300 alberature, prevalentemente potature e manutenzioni varie. Vi saranno anche abbattimenti, sia per diradamento che per motivi di salute della pianta, che riguarderanno perlopiù esemplari singoli e sparsi sul territorio. Compresi nel progetto quasi trecento reimpianti

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nuovo verde per l'area di via Mascagni. Prenderà il via la prossima settimana l'intervento sulle alberature dell'area, lungo la ferrovia, dove il verde è stato riprogettato con l'inserimento dei lecci in sostituzione dei pini presenti che sono cresciuti in eccessiva densità e che riportano problematiche radicali e di architettura della chioma. Al loro posto sarà realizzata una grande aiuola delimitata da un cordolo all'interno della quale saranno messi a dimora dei lecci. «Un intervento sollecitato dagli stessi cittadini e che è finalizzato a valorizzare l'area verde superando le criticità presenti in termini di sicurezza - dice il vicesindaco Silvano Becattelli, assessore a lavori pubblici e manutenzioni - E' uno dei lavori che rientra nel progetto biennale di manutenzione del patrimonio arboreo della città elaborato dall'agronomo e già operativo da dicembre». 

Il progetto in questione ha già visto interventi sulle aree di via Galvani e via Pieraccini, largo Usilia (nella foto), via Ancona, via Mantova, sulla pista verde nei pressi di via Venezia e al giardino di via Milano. Complessivamente, sui due anni, gli interventi riguarderanno circa 1.300 alberature, prevalentemente potature e manutenzioni varie. Vi saranno anche abbattimenti, sia per diradamento che per motivi di salute della pianta, che riguarderanno perlopiù esemplari singoli e sparsi sul territorio. Compresi nel progetto quasi trecento reimpianti, anche in questo caso perlopiù esemplari sparsi, fra cui le nuove alberature in via Mascagni e in largo Campidoglio dove la scorsa estate sono stati abbattuti i pini per superare in via d'urgenza alcune criticità emerse dai sopralluoghi del tecnico specializzato. I reimpianti saranno effettuati a marzo, o comunque con la stagione adatta.

«Questo progetto biennale nasce al termine di un lungo percorso di ricognizione e di elaborazione e, prima ancora, di censimento su tutto il patrimonio arboreo presente, che supera le 8mila piante», dice Silvano Becattelli. Le situazioni più urgenti emerse nelle prima fase hanno generato valutazioni e interventi conseguenti sia in termini di potature che di abbattimenti e successivi reimpianti. In seguito ai sopralluoghi dell'agronomo, propedeutici alla costruzione del piano biennale, altre informazioni emerse hanno dato il via a ulteriori interventi. «Al termine di questo percorso andato avanti per passi successivi e per priorità - chiude il Vicesindaco - abbiamo un progetto biennale per gestire e valorizzare il nostro patrimonio arboreo, a tutela del verde e della sicurezza di tutti».

Pubblicato il 23 gennaio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su