Poggibonsi, rissa tra tre donne in un appartamento del centro storico

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, giunti tempestivamente sul posto, si sono trovati davanti "una scena surreale", come la definiscono: suppellettili e mobili distrutti, sangue sulle pareti e tre giovani donne ancora intente a fronteggiarsi con bastoni e altri oggetti contundenti. Le tre, che presentavano tutte ferite al collo, escoriazioni multiple e una di esse anche un trauma cranico, sono state accompagnate al pronto soccorso dell’Ospedale Campostaggia di Poggibonsi

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Erano le 7.00 di domenica mattina, quanto è giunta una telefonata al 112 che richiedeva un intervento urgente per una rissa all’interno di un appartamento nel centro storico di Poggibonsi.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, giunti tempestivamente sul posto, si sono trovati davanti "una scena surreale", come la definiscono: suppellettili e mobili distrutti, sangue sulle pareti e tre giovani donne ancora intente a fronteggiarsi con bastoni e altri oggetti contundenti.

Le tre, che presentavano tutte ferite al collo, escoriazioni multiple e una di esse anche un trauma cranico, sono state accompagnate al pronto soccorso dell’Ospedale Campostaggia di Poggibonsi, dove sono state giudicate guaribili in 10 giorni.

«Le tre, due sorelle di origine marocchina e una donna rumena, svolgono il lavoro di ballerine presso un locale notturno della Val d’Elsa e dividono l’appartamento in Poggibonsi con altre ragazze che praticano la medesima attività - fanno sapere i Carabinieri -. Dopo i rilievi nell’appartamento da parte dei Carabinieri e la ricostruzione, non semplice, della dinamica dei fatti, per loro sono scattate le manette, in quanto ritenute responsabili del reato di rissa e lesioni personali, e immediatamente poste a disposizione della Procura della Repubblica di Siena».

Pubblicato il 13 marzo 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su